Coprifuoco ancora posticipato per tutti di un’ora, poi diventerà solo un ricordo, ma quando? Ecco cosa accade oggi

Coprifuoco (Fonte foto: web)

La data di oggi, lunedì 7 giugno, è da segnare in rosso. Primo lunedì del mese e subito cambia qualcosa: il coprifuoco viene spostato per tutte le regioni, al di là dei loro colori. Probabilmente ce n’era proprio bisogno, visto che solo un mese fa si parlava di vacanze a rischio, proprio a causa del coprifuoco.

Già pochi giorni fa, a metà maggio, il primo coprifuoco che costringeva tutti a tornare a casa dalle 22, è slittato di un’ora, arrivando alle 23. Da oggi invece, il giusto respiro per bar e pub, ed altri locali, con l’allungamento a mezzanotte. A breve poi, verrebbe anche abolito.

Leggi anche>>> Donna a rischio sfratto: il gesto disperato per evitare di rimanere in strada

Coprifuoco: quando gli diremo addio

Se tutto dovesse andar bene, soprattutto in termini di numeri di contagiati, in data 21 giugno 2021, potremmo salutare il coprifuoco, si spera per sempre. Praticamente tra sole due settimane, mentre per adesso l’orario di rientro cambia ed è delle 24, mentre non cambia quello per uscire di casa: non potremo prima delle 5 del mattino, se non per comprovati motivi di lavoro, di salute, necessità.

E per le zone di colori diversi? Facciamo un piccolo punto, innanzitutto informatevi sulle differenze tra zona bianca e gialla, che potrebbe servirvi molto. Ed ora, vi ricordiamo noi una delle differenze tra i due colori. In zona bianca, ci si può dimenticare del coprifuoco. Lì infatti, è già abolito, mentre per gialle, arancioni o rosse è in vigore. Anche se di zone che non siano bianche o gialle ora in Italia, non ne abbiamo più.

Leggi anche>>> Ecco il motivo per cui i laureati italiani decidono di lasciare il Bel Paese

Quali regioni passano in zona bianca oggi? Veneto, Abruzzo, Liguria e Umbria, che seguono le già bianche, Sardegna, Molise e Friuli Venezia Giulia. Per loro, è cambiato anche il regolamento per mangiare in pub e ristoranti in gruppo. Sei persone al massimo nei tavoli interni, nessuna restrizione per quelli esterni.