Il colosso internazionale Amazon ricerca varie figure professionali per coprire 3.500 nuovi posti di lavoro. Scopriamo i ruoli a cui candidarsi, le sedi e gli stipendi previsti.

Unsplash

Lavorare per Amazon è un’opportunità che tanti giovani e meno giovani hanno per intraprendere un percorso sostenuti da un’azienda conosciuta a livello internazionale. Jeff Bezos ha ideato un Piano Italia per incrementare la presenza del colosso statunitense nella nostra penisola offrendo ben 3.500 nuovi posti di lavoro. Le figure ricercate sono diverse così come la retribuzione prevista e le sedi in cui si svolgeranno i compiti. Ogni persona in cerca di un’occupazione ha, dunque, la possibilità di trovare il ruolo perfetto in relazione al proprio profilo professionale.

Leggi anche >>> Amazon irrompe nella telefonia italiana: tremano tutte le compagnie

Il Piano Italia, un’investimento Amazon sulla nostra penisola

Jeff Bezos vuole contribuire alla ripresa dell’Italia ampliando la rete della sua azienda e proponendo 3.500 assunzioni. Appoggiarsi ad un colosso come Amazon per intraprendere una carriera lavorativa significa avere alle spalle una formazione abilitante e un compagno di viaggio che finora ha dimostrato di essere competitivo ai massimi livelli.

L’idea di Bezos, ha spiegato Mariangela Marseglia (Country Manager di Amazon), è di aiutare l’economia investendo nella digitalizzazione e consentendo a tante piccole e medie imprese italiane di vendere i prodotti non solo in Italia ma anche all’estero. Per avviare questa ricrescita saranno necessarie tante varie figure professionali che potranno contare su un ambiente di lavoro sano e su una politica di risorse umane progettata per il benessere del lavoratore.

Leggi anche >>> Assunzioni di maggio: le figure che cerca Poste Italiane

Le posizioni aperte per lavorare con Amazon

Adobe Stock

Il progetto “Piano Italia” prevede l’assunzione con contratto di lavoro a tempo indeterminato di più di 3.000 persone entro il mese di dicembre 2021. Si ricercano sia figure manageriali che giovani intraprendenti disposti a fare stage prima di procedere con l’assunzione. I settori da colmare con nuovo personale sono molteplici, dall’imballaggio e spedizione delle merci al prelievo degli articoli, dalla finance al marketing fino ad arrivare alla ricerca sulle tecnologie del futuro. Posizioni aperte riguardano, poi, la ricerca di brand specialist e account manager, figure dedite al supporto di brand, PMI e produttori nell’espansione del commercio online.

E’ chiaro, dunque, come i profili ricercati siano diversi. Ingegneri, linguisti, neo laureati, professionisti di settore; bagagli culturali ed esperienze precedenti differenti che avranno accesso a retribuzioni diverse.

Leggi anche >>> Nuove assunzioni Mutti: le offerte di lavoro per l’estate 2021

Stipendi previsti in base ai ruoli professionali

Adobe Stock

Amazon investe sulle figure professionali dal punto di vista della qualità e, di conseguenza, le retribuzioni previste sono soddisfacenti soprattutto perché prevedono benefit e aumenti data la possibilità di avanzare nella carriera.

Il personale addetto al settore dei magazzini, ad esempio, avrà uno stipendio lordo mensile base di ingresso pari a 1.550 euro, tra i più alti sul mercato. Un addetto al controllo qualità, poi, otterrà mensilmente circa 988 euro mentre un operario specializzato avrà uno stipendio base di 1.778 euro.

Ricordiamo, poi, l’opportunità di programmi come Career Choice che offre ai dipendenti che seguono corsi professionalizzanti l’anticipo del 95% dei costi di rette e libri di testo. Fino ad oggi, tale iniziativa ha supportato più di 40 mila dipendenti e per Amazon significa investire nella qualità dell’azienda.

Sedi di lavoro in Italia

Sono più di 50 le sedi di lavoro previste con la ricerca di 3.500 figure professionali in Italia. Nel 2021 il colosso statunitense prevede l’apertura di 11 depositi di smistamento in Piemonte, Umbria, Friuli Venezia Giulia, Trentino Alto Adige, Veneto e Marche in cui inserire nuovo personale. In più, aprirà due grandi centri di distribuzione a Novara e a Cividate al Piano, in provincia di Bergamo. A Vercelli, invece, è stato presentato l’innovativo European Innovation Lab dedito allo sviluppo delle tecnologie che migliorino la sicurezza dei dipendenti.