Le vacanze estive 2021 sono alle porte e la voglia di partire dopo le reclusioni invernali è tanta. Attenzione ai prezzi però che potrebbero sconvolgere e non poco i piani 

Vacanze estive 2021
Fonte foto: web

La crisi scatenata dalla lunga fase pandemica sconvolgerà e non poco le vacanze estive. Tra gestori di stabilimenti e alberghi costretti ad aumentare i prezzi e cittadini sempre più relegati ad una situazione di austerità, non sarà affatto semplice conciliare le esigenze di tutti.

Chi avrà la fortuna di poter trascorrere qualche giorno di relax al mare o in montagna dovrà fare i conti oltre che con diverse regole legate alla situazione covid, anche con un rincaro di prezzi di alloggi, biglietti per i mezzi di trasporto e benzina. 

LEGGI ANCHE >>> Vacanze in arrivo: le regole base per evitare le truffe da solleone

Vacanze estive 2021: i prezzi di hotel, ristoranti, voli, traghetti e benzina

In linea generale fare una vacanza quest’anno costerà circa il 20% in più rispetto allo scorso anno. Secondo i dati diffusi dal Codacons infatti si è passati da una media di 736 euro a 883 euro a testa. 

Andando nello specifico i principali rincari hanno interessato il settore della ristorazione (+9%), strutture ricettive (+8%), spiagge (+5%) e trasporto aereo (+15%). Per quanto concerne invece navi e traghetti, l’aumento si attesta sul 12%.

In fin dei conti si tratta di una situazione più che fisiologica visti costi ingenti che l’intero comparto turistico si ritrova a dover affrontare in seguito alle molteplici chiusure dovute alle restrizioni anti Sars-Cov-2. Ad incidere in tal senso sono anche le spese per la sanificazione e per i prodotti igienizzanti che bisogna obbligatoriamente possedere. 

LEGGI ANCHE >>> Vacanze al risparmio: con 3,50 euro potrai fare il bagno in posto incantato

Stando sempre a quanto verificato dall’Unione Consumatori è aumentato anche il costo della benzina che ha subito un rincaro di alcuni centesimi e sembra destinato a nuovi incrementi nelle prossime settimane.

La sicurezza rimane la prerogativa più importante per chi decide di mettersi in viaggio, motivo per cui spesso agli alberghi si preferisce la casa vacanza, che non contempla la divisione di spazi comuni con altre persone.