Il prezzo della benzina è in continuo aumento, la prossima estate ci costerà cifre esorbitanti. Il Codacons ha già lanciato l’allarme

Benzina

Al contrario di quanto è avvenuto per buona parte del 2020, nel 2021 il prezzo della benzina è in continuo aumento. L’ultimo rincaro in ordine di tempo è quello previsto per la stagione estiva.

Una sorta di azione consuetudinaria visto che l’arrivo dei primi caldi lascia spesso in dote questo genere di aumento di prezzo. Per i più dietrologi potrebbe essere un’operazione mirata delle compagnie distributrici dovuta all’aumento degli spostamenti per via delle vacanze al mare o in montagna.

LEGGI ANCHE >>> Benzina e diesel ancora in aumento: l’assoconsumatori non ci sta

Benzina nuovo prezzo record: ecco quanto costerà nell’estate 2021

A prescindere da ciò, bisogna necessariamente adeguarsi, anche se questo rincaro avrà delle ripercussioni sui prodotti trasportati come ad esempio frutta e verdura. La logica conseguenza sarà un aumento dei prezzi anche per questo genere di articoli. A lanciare l’allarme in tal senso è stato il Codacons, il quale ha rimarcato proprio questo aspetto che avrà degli effetti sugli esborsi economici delle famiglie.

Andando nel dettaglio, al momento secondo le rilevazioni settimanali del Ministero dello Sviluppo Economico la verde si attesta su un prezzo di 1,593 euro al litro mentre il gasolio 1,452 euro al litro. In prospettiva si andrà sicuramente a sforare gli 1,6 euro. 

Facendo dei calcoli con i numeri attuali vengono fuori dei dati piuttosto significativi. Basti pensare che 1 litro di benzina costa il 16,7% in più rispetto ad un anno. Un pieno di benzina può comportare addirittura una spesa di 11,4 euro in più. 

Su base annuale invece i dati sono ancora più allarmanti. Nel 2021 la prospettiva media di spesa per il carburante per singola famiglia è aumentata di 273 euro se rapportata con il 2020. 

LEGGI ANCHE >>> Benzina illecita, blitz della Finanza: giro d’affari milionario

Una situazione per niente rosea se si considera che il trend è in salita e che questo potrebbe non essere l’ultimo rincaro di un anno piuttosto faticoso sotto questo punto di vista.