Christian De Sica non ha mai nascosto le difficoltà che ha dovuto affrontare in gioventù fino a quando non ha iniziato con i celebri cinepanettoni

Christian De Sica

Christian De Sica è uno dei volti più noti ed amati del cinema italiano che ci ha accompagnato per anni con i suoi film sempre molto divertenti. Eppure prima del successo non ha avuto una vita facile, anzi.

Si è ritrovato ad affrontare delle difficoltà piuttosto importanti frutto di alcune vicissitudini familiari. In seguito alla morte del padre Vittorio ha dovuto fare i conti con un periodo caratterizzato da rinunce e sacrifici in cui ha avuto al suo fianco la moglie Silvia. 

LEGGI ANCHE >>> Christian De Sica è l’attore più pagato al mondo? Il patrimonio milionario dell’attore

Christian De Sica: la sua vita prima dei film natalizi

In pratica si è ritrovato senza disponibilità economiche e con i debiti contratti dal padre da saldare. La consorte seppur di discendenza ricca non ha potuto attingere dal patrimonio familiare visto che erano scappati di casa facendo arrabbiare il padre. 

Una relazione che non era vista di buon occhio visto che tra i due intercorrono 7 anni di differenza. Si erano conosciuti perché Silvia è la sorella di Carlo Verdone, che ai tempi era compagno di scuola di Christian. 

Per sopperire alla pesante situazione si sono dovuti adattare ad uno stile di vita completamente agli antipodi rispetto a quello della borghesia che avevano assaporato durante l’infanzia. Addio alle cene abbondanti con tutta la famiglia a tavola e all’autista per andare a scuola.

Spesso addirittura saltavano i pasti e tal proposito ecco un aneddoto piuttosto emblematico. De Sica impegnato su un set in Francia negli anni ’70 donava la sua razione di uova con la pancetta giornaliera (prevista per colazione) alla moglie, mentre lui digiunava. Il tutto è durato fino a Vacanze di Natale 1984 che di fatto lo ha consacrato nel panorama cinematografico nostrano. 

LEGGI ANCHE >>> Christian De Sica deve vendere la sua villa da sogno: le cifre

In quel momento disse alla moglie: “Se magna” con il suo classico e rinomato accento romanesco. Fu l’inizio di un’ascesa che cancellò quella difficile fase, che anche uno come lui nato con la camicia si è ritrovato a dover affrontare.