Brutte notizie per i clienti di tre banche, che rischiano sempre più spesso di cadere vittima di uno dei tanti tentativi di truffa. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere in merito.

soldi-bruciati

L’ultimo anno è stato segnato dall’impatto del Covid che continua ad avere delle ripercussioni negative sulle nostre esistenze sia dal punto di vista sociale che economico. Al fine di limitarne la diffusione, infatti, ci viene chiesto di prestare attenzione a vari accorgimenti, come ad esempio l’utilizzo delle mascherine e il distanziamento sociale. Proprio quest’ultimo, in effetti, ha contribuito a cambiare il nostro modo di comunicare. Non a caso, nel corso degli ultimi mesi si registra un utilizzo sempre più massiccio dei vari strumenti tecnologici.

Quest’ultimi, d’altronde, ci permettono di restare in contatto con amici e parenti attraverso sms, mail e applicazioni di messaggistica istantanea. Oltre agli innumerevoli vantaggi, però, si consiglia di stare attenti alle possibili insidie. Alcuni truffatori, infatti, cercano di sfruttare tali strumenti proprio per riuscire ad estorcere denaro al malcapitato di turno. Ne sono un esempio la truffa del finto buono Ikea oppure quella delle assicurazioni online inesistenti. Se tutto questo non bastasse, a finire nel mirino dei truffatori sono sempre più spesso i correntisti di tre banche, che rischiano pertanto di cadere in una delle tante trappole. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere in merito.

LEGGI ANCHE >>> Come scoprire se la nostra mail è stata violata: cosa c’è da sapere

Truffe, brutte notizie per i clienti di queste tre banche: cosa c’è da sapere

Risparmi di famiglia
Foto di Bruno /Germany da Pixabay

Ogni giorno, purtroppo, sono tanti i tentativi di truffa a cui bisogna prestare attenzione. Lo sanno bene i clienti di Intesa Sanpaolo, Unicredit e BNL, che sempre più spesso finiscono nel mirino dei truffatori. Ovviamente anche i clienti degli altri istituti non sono al sicuro, con i truffatori che cercano in qualsiasi modo di estorcere denaro al malcapitato di turno.

Tra i metodi più utilizzati si annoverano phishing e smishing. Quest’ultimo si manifesta quando il truffatore tenta di raggirare attraverso l’invio di un link pericoloso tramite SMS. Si parla di phishing, invece, quando la truffa viene organizzata tramite e-mail. In entrambi i casi i destinatari possono pensare che il mittente sia davvero la propria banca, finendo così per cadere nella trappola.

LEGGI ANCHE >>> Carta di credito o bancomat, attenti a questi siti: altissimo rischio truffa

Onde evitare di dover fare i conti con spiacevoli inconvenienti, quindi, si consiglia sempre di prestare la massima attenzione e soprattutto non cliccare mai sui link ricevuti con mail o sms sospetti. In caso di dubbio è sempre meglio rivolgersi ai canali ufficiali della propria banca e chiedere informazioni in merito.