Bonus per gli studenti, ecco testi scolastici gratuiti per chi ha meno possibilità economiche, con l’arrivo della scuola

Libri (Fonte foto: web)

Finalmente stiamo tornando alla vita “normale”, del pre-Covid. Infatti, negli ultimi mesi hanno anche riaperto le scuole, che a scanso di sorprese ricominceranno il loro naturale cammino, a settembre. Ma tutto questo ha a che fare anche con l’economia.

Di fatto, l’inizio delle scuole cammina di pari passo con le spese da sostenere per la preparazione dei figli, in primis con l’acquisto dei libri. Già lo Stato ha pensato ad un modo per premiare giovani e studenti oltre ai bonus libri e rimborsi per chi studia.

Leggi anche>>> Un fondo per le attività che hanno chiuso: il nuovo aiuto alle imprese

I bonus previsti per gli studenti

Sono arrivati i bonus libri ed i rimborsi spesa per studenti di scuole medie e superiori. Dal 17 maggio 2021, è infatti possibile inviare la cadidatura per la domanda online che sarà presente fino alle ore 14 del 20 luglio 2021. Oltre a tutti i bonus per chi studia, è anche possibile richiedere l’assegno di 150 euro per ogni figlio, al di là della carriera da studente e dall’età. Tornando all’età scolastica, i bonus sono pensati per tre diverse fasce e possibilità, dalla gratuità dei libri, al rimborso spese, passando per il buono libri.

La possibilità di accedere gratuitamente o con agevolazioni, all’acquisto sia di libri che di altro materiale scolastico, verrà data a tutti i residenti della Regione Puglia, da ritenersi tra quelli con meno possibilità economiche. Per aver accesso a testi scolastici gratis, bonus libri o rimborso delle spese, basta compilare il bando della Regione.

Leggi anche>>> Arriva il rimborso di 200 euro sull’assicurazione: ecco per chi

Qualora si dovessero avere i requisiti necessari, basterebbe andare avanti e candidarsi. Per essere più precisi sull’erogazione di bonus e rimborsi spese, questi riguardano i ragazzi delle scuole secondarie di 1° e di 2° grado con reddito basso. L’Isee delle famiglie richiedenti non dovrà superare quota 19.632,94 euro. Ad erogare le indennità, saranno i singoli Comuni.