Si tratta di un dispositivo che esula dalle logiche convenzionali e che per questo consente di essere esonerati dal Canone Rai. Vediamo come funziona nello specifico 

Canone Rai
Fonte Adobe

Avere la televisione e non pagare il Canone Rai è un po’ il sogno di tutti. A quanto pare d’ora in poi sarà possibile realizzarlo. Grazie all’innovazione di un giovane imprenditore del Bel Paese tutto ciò è diventato realtà.

Una volta acquistato l’apparecchio in questione, non bisogna fare altro che inviare l’apposita comunicazione all’Agenzia delle Entrate, dichiarando di non possedere una normale televisione (requisito fondamentale per districarsi dalla tassa della tv di Stato). Ma com’è possibile tutto ciò? Scopriamolo insieme analizzando i cavilli più significativi di questa rivoluzionaria idea.

LEGGI ANCHE >>> Canone Rai 2021, colpo di scena: tutti gli esoneri

Canone Rai: il dispositivo che permette di non pagarlo

Il giovane imprenditore Lorenzo Modena che ha messo in commercio la “tv senza canone” ha spiegato cosa rende il suo prodotto conveniente e al passo coi tempi. In pratica non è dotato di segnale radio, il che non lo cataloga come una vera e propria televisione. Sfrutta esclusivamente la connessione ad Internet (oltre che un sistema Android) senza allacciarsi a nessuna antenna.

È come se fosse un gigantesco tablet di 43 pollici che dispone di tutte le applicazioni che abbiamo su smartphone e smart tv (Netflix, Amazon, Dazn, Now Tv, Youtube e tanti altri). In pratica tutti i contenuti di cui usufruiscono le nuove generazioni, che sono sempre più distaccate dai canali generalisti come quelli proposti dalla Rai.

Un vero e proprio cambiamento che non interessa solo i più giovani (che ormai non possono più fare a meno delle piattaforme on demand), ma anche delle aziende ed esercenti che sfruttano la “tv del futuro” per motivi di lavoro.

LEGGI ANCHE >>> Canone Rai: quando non pagarlo? Tutto quello che c’è da sapere

Lorenzo Modena ha svelato che anche i Bed and Breaksfast hanno fatto richiesta, così come i farmacisti. D’altronde la possibilità di pagare solo ed esclusivamente il prezzo d’acquisto (499 euro) rende il “grande tablet” decisamente più appetibile di una normale televisione.

Nei prossimi mesi saranno commercializzati anche dei formati più piccoli, che potranno essere comprati grazie a degli esborsi sicuramente meno onerosi rispetto a quello previsto per il formato da 43 pollici.