Un giochetto che fruttava molti soldi, se non altro la certezza di non rischiare andando a grattare sul biglietto sbagliato.
Gratta e vinci
Una vera e propria truffa organizzata da due coniugi, tabaccai di Fisciano, in provincia di Salerno. Un trucchetto inventato chissà se per caso o se per vera e propria ingegnosa furbizia. Decine e decine e di Gratta e vinci davanti ai loro occhi e probabilmente la tentazione di sapere cosa potesse nascondersi dietro quella patina da grattare. Ma come fare senza destare sospetti? E soprattutto senza rischiare di rimetterci dei soldi?
Alla fine lo stratagemma prende di colpo vita. L’idea dei due è quella di scalfire con mano leggera, grazie ad un apposito taglierino proprio quella patina, in modo da consentire al lettore ottico in loro possesso di individuare i biglietti vincenti tra quelli esposti preso il proprio esercizio commerciale. A quel punto il resto è un gioco da ragazzi. Basta segnare i biglietti fortunati e procedere alla graduale lettura del codice vincente in modo da certificare tutto.

Gratta e vinci, vincevano senza nemmeno grattare: incongruenze tra vendite e vincite

Gratta e vinci
Gratta e vinci

Le forze dell’ordine ed i relativi organi coinvolti si sono di fatto messi all’opera nel momento in cui ci si è accorti che esisteva una sproporzione evidente tra numero di biglietti venduti e numero di biglietti vincenti certificati. La cosa è subito risaltata gli occhi e concesso agli inquirenti di approfondire la vicenda. I due coniugi sono dunque stati denunciati ed ora dovranno rispondere di quanto messo in pratica e delle somme sottratte ad altri potenziali vincitori.

Il tutto truffando tutta una serie di contesti statali coinvolti nel giro dei concorsi a premi e quant’altro. La storia ha avuto il merito, se cosi si può dire, i clienti abituali della tabaccheria, consapevoli a quel punto che mai avrebbero potuto vincere una cifra considerevole presso quell’esercizio commerciale.

LEGGI ANCHE >>> Superenalotto, la vincita straordinaria che ti cambia la vita: Bergamo è in festa

La giustizia farà a questo punto il suo corso e per i due coniugi non sarà certo un periodo positivo. Troppo grande la truffa, troppe le persone inconsapevolmente coinvolte.