Attenzione a questa truffa su Instagram che sta mietendo numerose vittime. Scopriamo di cosa si tratta e come funziona nello specifico 

Truffa su Instagram

Le truffe sono ormai presenti su qualsiasi tipo di social network, anche dove si pensava che non fossero ancora arrivate. Quella che sembrava un’oasi nel deserto è invece il teatro di uno dei “giochetti” più meschini di quest’ultimo periodo.

Per chi non lo avesse ancora capito, stiamo parlando di Instagram, dove ormai da un po’ di tempo stanno andando in scena dei veri e propri tranelli che si avvalgono dell’ormai famigerata tecnica del phishing. 

LEGGI ANCHE >>> La città della truffa: dove tutto non è ciò che sembra

Truffa su Instagram: in che modo avviene il subdolo raggiro

I truffatori per riuscire nel loro losco intento creano profili di aziende famose e poi cercano di attirare gli utenti nella trappola. Utilizzano in apparenza la stessa strategia di marketing dei veri brand offrendo degli omaggi (un regalo, un premio) per farsi conoscere.

A quel punto però contattano direttamente il “cliente” per chiedergli i loro dati personali o addirittura quelli bancari. Non è assolutamente semplice distinguerli dai marchi veri visto che si avvalgono degli stessi loghi e delle pubblicazioni più recenti riprese in ordine cronologico. In realtà esistono delle differenze tra i profili originali e quelli fake, solo che sono così sottili (una lettera o un simbolo) e per questo difficili da captare.

A lanciare l’allerta in tal senso è la società di cybersecurity Panda Security, che ha rilevato il suddetto phishing da parte di criminali esperti del settore. I contest lanciati dalle aziende reali non sono altro che l’esca per attirare le “prede” al proprio amo.

Sono state rilevate anche delle “landing page” che si aprono dopo aver cliccato un link. Una volta compilato il form, gli hacker indirizzano ad un’altra pagina in cui è inserito un codice deleterio in grado di tracciare la navigazione in Internet del malcapitato di turno.

LEGGI ANCHE >>> La truffa che consente di avere gratis Sky e Dazn: carcere a chi ne approfitta

Panda oltre all’avviso ha comunicato anche una serie di disposizioni da seguire accuratamente per evitare di cadere nel tranello. Qualora il brand mettesse fretta circa la possibilità di ottenere i propri premi è bene diffidare. Così come se si notano errori ortografici o mescolamento di più lingue. La cosa più importante però è utilizzare i classici sistemi di sicurezza informatica, che proteggono dalle pagine web inaffidabili.