Una vicenda davvero incredibile che vede come vittima un pensionato al quale hanno portato via davvero tutto.

Truffa anziano
Truffa anziano (Adobe)

La vicenda assume i tratti del grottesco in alcuni tratti ma si basa esclusivamente sulla pressione psicologica inferta alla moglie del pensionato di Mestre, protagonista principale del raggiro. La vicenda inizia infatti nel momento in cui la moglie dell’uomo è colpita da un lutto familiare che le causa dolore e sconforto. In quella fase la donna, troppo debole emotivamente, si lascia avvicinare da una persona la cui moglie dice di fare la medium

Iniziano cosi queste sedute, prendono il via momenti spirituali e di raccoglimento in cui la coppia viene messa in contatto con l’aldilà o almeno questo gli viene promesso. Nel frattempo la medium e suo marito iniziano a chiedere soldi alla coppia di anziani, per problemi legati alla loro salute. Poco alla volta il nostro pensionato coprirà di soldi i due con la promessa che un giorno quei soldi sarebbero tornati indietro. L’uomo si lascia abbindolare.

LEGGI ANCHE >>> La città della truffa: dove tutto non è ciò che sembra

Gli hanno portato via i risparmi di una vita: sofferenza e sconforto sfruttati dai truffatori

Dietro la medium e suo marito Matteo Buriollo, 41 anni, vecchia conoscenza delle forze dell’ordine, sandonatese di nascita ma esilitato a Lignano Sabbiadoro per sfuggire al clan Maritan. Con lui davanti al giudice, perchè la storia è finita in tribunale, compariranno i suoi complici  Edi Dovier, 68 anni di Latisana, Plinio Daneluzzi, 65 anni di Gruaro, Barrie Tuggey, 71 anni di Lignano Sabbiadoro e  Cristian Paccini, 41 anni anche lui di  Lignano Sabbiadoro

Tra una seduta ed un’altra, una richiesta e l’altra l’uomo viene “spogliato” di circa 75mila euro, i risparmi di una vita, i sacrifici di una esistenza dedita al lavoro ed alla famiglia. Non resta che denunciare e l’uomo non si lascia scoraggiare dagli eventi che l’hanno travolto.

LEGGI ANCHE >>> Truffa Whatsapp: quando un messaggio può svuotarci il conto corrente

La vicenda ha dei contorni incredibili, al pensionato era stata promessa la restituzione dei soldi, cosi come dichiara: “Consegno denaro in contanti ma faccio versamenti anche sul circuito Postepay. Ogni volta Daneluzzi mi rassicura che il denaro mi sarà restituito al più presto, anche perché, racconta lui, gli deve arrivare un’importante eredità per la quale è in contatto con un notaio di Treviso“. Ora si attende l’intervento della giustizia.