Non ha reddito ma va in giro con ben 368 mila euro. Ecco quanto scoperto dai finanzieri e dove li teneva nascosti.

Soldi contanti
Soldi contanti (Adobe)

Gli ultimi mesi sono stati segnati dall’impatto del coronavirus che continua, purtroppo, ad avere delle ripercussioni negative sulle nostre vite, tanto da causare un aumento delle incertezze in merito al futuro. Al fine di contrastarne la diffusione, infatti, ci viene chiesto di prestare attenzione a vari accorgimenti. Tra questi si annoverano l’utilizzo della mascherina, il distanziamento sociale e il coprifuoco.

Un contesto storico particolarmente complicato, che vede sempre più persone dover fare i conti con una difficile gestione del bilancio famigliare. Riuscire ad affrontare le varie spese, in effetti, risulta sempre più difficile e per questo motivo si rivela necessario l’intervento del governo attraverso delle misure ad hoc. Proprio in questo contesto ha destato particolare attenzione la vicenda di un uomo che, ufficialmente senza reddito, andava in giro con ben 368 mila euro. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo cosa è successo.

LEGGI ANCHE >>> Viaggia con la Ferrari: in tasca il Reddito di Cittadinanza

Non ha reddito, ma va in giro con 368 mila euro: cosa è successo

Da ormai un po’ di tempo a questa parte dobbiamo fare i conti con delle limitazioni negli spostamenti tra regioni, influenzati dagli ormai noti colori. Proprio in questo contesto, a giocare un ruolo importante sono le forze l’ordine, il cui compito, tra gli altri, è anche quello di verificare l’effettivo rispetto delle regole. Ne sono una chiara dimostrazione i controlli sugli spostamenti da regione a regione, che proprio qualche settimana fa hanno permesso di fare una scoperta davvero incredibile.

I finanzieri di Bassano, all’interno del territorio del Comune di Pianezze, hanno fermato e controllato un 49enne, B.G.. Nato e residente in provincia di Napoli, l’uomo era bordo di una Mercedes, modello classe B. Intenti a verificare i motivi che hanno spinto l’uomo a spostarsi dalla Campania al Vicentino, nonostante le disposizioni anti-covid, hanno notato dei segni di nervosismo dell’uomo.

Soldi nascosti nel doppiofondo dell’auto

Da qui la decisione di perquisire l’autovettura, riuscendo così a scoprire la presenza di ben 368 mila euro nascosti nel sottofondo del portabagagli. Un’’operazione, quella condotta dalla compagnia di Bassano del Grappa, comandata dal maggiore Alberto Potenza, che ha avuto di recente la conferma del Tribunale del riesame di Vicenza. Quest’ultimo ha convalidato i sequestri, in attesa che le indagini accertino la provenienza del denaro e quale fosse la sua destinazione.

LEGGI ANCHE >>> Reddito di cittadinanza: “il trucco” utilizzato per comprare anche generi proibiti

Su alcune banconote, inoltre, hanno rinvenuto la presenza dell’inchiostro blu che viene utilizzato in sistemi antifurto da parte di banche e portavalori. Da qui il sospetto che possano essere stati ottenuti illecitamente. Se tutto questo non bastasse, consultando le apposite banche dati, gli agenti hanno riscontrato che l’ultima dichiarazione dei redditi del 49enne risale al 2013, per un valore pari a 6500 euro. Un elemento che contribuisce ad alimentare i sospetti, tanto da portare al sequestro del denaro e dell’auto, oltre che alla denuncia a piede libero per ricettazione dell’uomo.