Scoperto un altro furbetto del reddito di cittadinanza. Nonostante viaggiasse a bordo di una Ferrari, infatti, ha continuato a percepire il sussidio. Ecco cosa è successo.

L’ultimo anno è stato segnato dall’impatto del Covid che continua ancora oggi ad avere una serie di conseguenze sia dal punto di vista sociale che economiche. Il governo, infatti, ha deciso di adottare una serie di misure restrittive al fine di contrastare la diffusione del coronavirus. Una situazione che ha purtroppo portato molte famiglie a dover fare i conti con un periodo particolarmente difficile dal punto di vista finanziario.

A dimostrazione di ciò, gli ultimi dati evidenziano come si sia registrato un aumento della povertà nelle grandi città, con il conseguente incremento delle richieste per ottenere il reddito di cittadinanza. Proprio in un contesto di questo genere, quindi, non può che destare clamore la storia proveniente da Brescia, riguardante la scoperta di un furbetto del reddito di cittadinanza. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo cosa è successo.

LEGGI ANCHE >>> Reddito di cittadinanza: più soldi dal 2021 ma non per tutti

LEGGI ANCHE >>> Reddito di cittadinanza, boom di beneficiari: ecco dove vivono

Gira in Ferrari ma prende lo stesso il reddito di cittadinanza: denunciato

Reddito di cittadinanza isee
Reddito di cittadinanza (Fonte foto: web)

La Guardia di Finanza di Brescia ha di recente denunciato 23 furbetti del reddito di cittadinanza, che in totale hanno percepito, senza averne diritto, ben 180 mila euro. Tra i soggetti in questione anche un professionista di 46 anni bresciano che continuava a percepire il sussidio, nonostante viaggiasse in Ferrari. Stando a quanto emerso dalle indagini, sembra si tratti di un consulente fiscale che svolge la propria attività tra la Svizzera e l’Italia, promuovendo il proprio lavoro anche tramite social.

Al fine di percepire il reddito di cittadinanza, l’uomo ha appositamente presentato una dichiarazione dei redditi incompleta, riuscendo in questo modo ad intascare più di 14 mila euro di sussidio nel periodo compreso tra maggio 2019 e novembre 2020. Il 46enne è stato fermato alla frontiera con la Svizzera a bordo di una Ferrari 458 presa a noleggio. Se tutto questo non bastasse, mentre percepiva il sussidio aveva anche vinto 23 mila euro grazie alle scommesse sportive. Somme, come è facile intuire, che non ha mai dichiarato, onde evitare di perdere il sussidio.