Introdotto dal vecchio governo per aiutare le famiglie in difficoltà, è possibile utilizzare il reddito di cittadinanza per l’acquisto di tabacco e gratta e vinci? Entriamo nei dettagli e scopriamolo assieme.

Il precedente esecutivo ha deciso di istituire il reddito di cittadinanza in modo tale da fornire un aiuto economico alle persone che si ritrovano a vivere un momento di difficoltà economica, ad esempio dopo aver perso il lavoro. Non è un caso, quindi, che proprio nel corso dell’ultimo anno, a causa dell’impatto negativo del Covid sulla vita di tutti noi, si sia registrato un boom di richieste.

Oltre alle persone che necessitano effettivamente di un aiuto, però, non si può fare a meno di pensare ai tanti furbetti che percepiscono indebitamente tale sussidio, finendo per aggravare sulle tasche di tutti i contribuenti. Proprio in questo contesto, inoltre, si inserisce un altro quesito: i percettori del reddito di cittadinanza possono comprare sigarette e gratta e vinci con il denaro ricevuto? E in caso di risposta affermativa, possono essere considerati generi di prima necessità? Entriamo nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere in merito.

LEGGI ANCHE >>> Investire in un pacco intero di Gratta e Vinci conviene? La risposta non è scontata

LEGGI ANCHE >>> Gratta e Vinci, lo Stato vince sempre: ecco quanto guadagna

Reddito di cittadinanza: tabacco e gratta e vinci sono generi di prima necessità? Ecco cosa c’è da sapere

reddito cittadinanza
adobestock

Introdotto per favorire l’acquisto di generi di prima necessità, sono in molti a chiedersi se è possibile utilizzare il reddito di cittadinanza per acquistare altri tipi di beni, come ad esempio le sigarette e i gratta e vinci. Ebbene, bisogna sapere che in base a quanto si evince dal decreto legge n. 4/2019, non è previsto alcun divieto esplicito per quanto concerne l’acquisto di tabacco. Dall’altro canto, “al fine di contrastare fenomeni di ludopatia, è in ogni caso fatto divieto di utilizzo del beneficio economico per giochi che prevedono vincite in denaro o altre utilità“, quali ad esempio i gratta e vinci.

Fatta questa premessa, però, bisogna sapere che nella realtà dei fatti i percettori di questo sussidio possono acquistare sia le sigarette che i gratta e vinci, prestando semplicemente attenzione alle modalità di pagamento. A tal fine è bene ricordare che non è possibile effettuare tali acquisti attraverso l’utilizzo della card, in quanto non può essere utilizzata presso gli esercizi commerciali che vendono beni e servizi che non si possono comprare con il reddito di cittadinanza. Dall’altro canto i percettori del reddito di cittadinanza possono prelevare ogni mese 100 euro, grazie ai quali poter effettuare acquisti in contanti, tra cui proprio sigarette e gratta e vinci. Beni che non possono essere considerati di prima necessità, ma che aggirando l’ostacolo possono essere in ogni caso comprati.