Sempre più persone giocano al Gratta e Vinci, ma l’unico vero vincitore rimane lo Stato. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo quanto guadagna ogni anno.

Gratta e Vinci
Gratta e Vinci (Fonte foto: web)

A partire dalle slot, passando per le scommesse sportive, fino ad arrivare ai giochi online e ai gratta e vinci, sono davvero tanti i tipi di gioco in grado di attirare un numero sempre crescente di giocatori. D’altronde la speranza di vincere cifre da capogiro grazie ad un semplice gioco ammalia davvero in tanti, che sperano in questo modo di dare finalmente una svolta alla propria vita. Cifre milionarie, ben indicate sui vari giochi, che invogliano a tentare la fortuna.

Ne sono un chiaro esempio i gratta e vinci, con grafiche sempre molto invitanti e che sono ormai disponibili con vari prezzi. A partire dai 2 euro, fino ad arrivare a 20 euro, infatti, vi è davvero l’imbarazzo della scelta. Tra i giochi più amati, dovete sapere che in Italia vengono prodotti 1/5 dei biglietti di tutto il pianeta. Un dato senz’ombra di dubbio impressionante, che mostra come questo gioco sia molo diffuso nel nostro Paese, permettendo allo Stato di fruttare un bel po’ di soldi. Entriamo quindi nei dettagli e scopriamo di quali cifre si tratti.

LEGGI ANCHE >>> Vince 2 milioni al Superenalotto: i 10 consigli per non perdere la testa

LEGGI ANCHE >>> Giochi con maggiori probabilità di vincita: la verità scomoda

Gratta e Vinci, lo Stato vince sempre: ecco quanto guadagna ogni anno

Come già detto, sono in tanti in Italia a tentare ogni giorno la fortuna grazie ai Gratta e Vinci. Colorati e divertenti, d’altronde, possono essere facilmente acquistati presso le tabaccherie oppure online. Disponibili con diverse fasce di prezzo, a partire dai 2 euro, fino ad arrivare ai 20 euro, infatti, vi è davvero per tutte le tasche. A tal proposito, però, è bene sapere che, stando ad alcune statistiche, solo uno su tre premi supera il costo del biglietto. Ma non solo, a ottenere una buona fetta di guadagno è lo Stato, che ne risultata pertanto, sempre vincitore. La tassazione nel nostro Paese sul settore dei giochi, in effetti, è la più alta d’Europa.

Entrando nei dettagli, nel 2019, ad esempio, in Italia sono stati giocati ben 110,54 miliardi di euro. Di questi ben 11,4 miliardi sono finiti nelle casse dello Stato. Ma non solo, bisogna sapere che ben 9 miliardi circa di euro, ovvero il 12,4% del totale dei soldi spesi in giochi, derivano dalle Lotterie, compresi quindi i Gratta e Vinci. Numeri non affatto indifferenti, che mostrano come il settore dei giochi rappresenti senz’ombra di dubbio un’ottima fonte d’introiti per le casse statali. Minore, invece, l’incasso dell’Erario nel 2020. In seguito alla crisi Covid, infatti, si è assistito a un minor numero di giocate, con lo Stato che ha perso più di 4 miliardi di euro.