Chiede 100.000 euro per cancellare un malocchio che lo perseguitava, in cambio, sacrificati cammelli, galline ed altri animali

Arresto- polizia (Fonte foto: web)

Gli avrebbe tolto il malocchio per 100.000 euro. Questa la richiesta di un uomo, che aveva fatto credere ad un cinquantenne della provincia di Oristano, di possedere poteri divinatori. Una somma a sei cifre ed il malocchio sarebbe andato via.

Fortuna che le forze dell’ordine stavolta, sono intervenute in tempo, mentre altrove, c’è anche chi ha perso più di 160mila euro in una truffa. L’impostore, aveva fatto leva sulla situazione sentimentale dell’uomo, per convincerlo a sganciare un’importante cifra.

Leggi anche>>> Truffa dei falsi tecnici: anziani nel mirino, ecco quanto è stato rubato

100mila euro per il malocchio: la denuncia

Un cittadino senegalese di 30 anni, è riuscito ad estorcere denaro ad un altro uomo, sulla cinquantina, della provincia di Oristano. La situazione sentimentale della vittima non era rosea, così il truffatore ha giocato coi suoi sentimenti. Aveva promesso che un santone africano per soldi, gli avrebbe cancellato i malefici.

Al suo posto, gli garantiva il senegalese, sarebbero stati sacrificati animali come cammelli, asini, galline, iene ed ancora diversi animali. Il cinquantenne aveva già pagato 28.000 euro per la presunta uccisione di due iene, poi ha preso una pausa nei pagamenti, così il trentenne lo aveva minacciato di farlo andare sulla sedia a rotelle e di far ammalare i figli.

Leggi anche>>> Faceva la bella vita con i soldi delle nostre carte di credito: arrestato

Soltanto allora, l’uomo ha deciso di esporre denuncia agli uffici della Squadra Mobile. Adesso il cittadino senegalese è accusato di truffa pluriaggravata, i giudici non sono stati clementi con lui come con dei presunti truffatori al tavolo da poker. Il blitz è avvenuto in Piazza Eleonora, dove il truffatore aveva mesos in tasca altri 14.000 euro portati dalla vittima: le forze dell’ordine lo hanno individuato ed arrestato. Ora l’extracomunitario, attenderà presso la casa di reclusione Massama, l’udienza di convalida del fermo.