Brutte notizie per un uomo che si è ritrovato con 3.500 euro in meno sul conto dopo essere caduto vittima di una truffa. Entriamo nei dettagli e vediamo cosa è successo.

soldi bruciati

Gli ultimi mesi sono stati segnati dal Coronavirus che ci ha portato a cambiare molte nostre abitudini. Ne sono un chiaro esempio l’utilizzo della mascherina e il distanziamento sociale. Proprio quest’ultimo, in effetti, sembra spingere sempre più persone a optare per un utilizzo maggiore dei vari strumenti tecnologici, grazie ai quali poter inviare messaggi, ma anche fare video chiamate e condividere documenti con amici, parenti e aziende anche se fisicamente lontani.

Allo stesso tempo, purtroppo, il crescente interesse verso questi strumenti, si rivela essere terreno fertile per alcuni truffatori, che riescono così ad estorcere denaro al malcapitato di turno. Basti pensare ai vari tentativi di raggiro disseminati nel web, come il finto buono Ikea da 250 euro oppure assicurazioni online inesistenti. Truffe studiate fin nei minimi particolari, come quella che ha, purtroppo, tratto in inganno un uomo, che si è così ritrovato con 3.500 euro in meno sul conto corrente. Entriamo nei dettagli e vediamo cosa è successo.

LEGGI ANCHE >>> WhatsApp, attenti ai messaggi degli amici: la trappola è dietro l’angolo

Conto corrente, attenti alla finta app: nuovo tentativo di truffa

soldi banconote 50 euro

Attenti ad un nuovo tentativo di truffa. Come si evince da La Prealpina, un verbanese ha perso ben 3.500 euro dopo essere caduto vittima di una truffa. A quanto pare sarebbe stato contattato da un finto operatore di un istituto di credito, dove l’uomo ha in effetti il proprio conto corrente. Il truffatore ha quindi informato l’utente di dover eliminare l’applicazione sul suo telefono e provvedere a installarne una nuova, in modo tale da poter accedere ai vari servizi offerti dalla banca.

Il destinatario di questa chiamata, quindi, si è visto recapitare un sms, con tanto di link per poter scaricare la nuova applicazione. Proprio a quel punto è scattata la trappola, con l’uomo che ha quindi eseguito l’operazione come richiesto dal finto operatore di call center. Una vicenda che sembrava essersi conclusa qui, salvo poi scoprire che dal conto corrente erano spariti quasi 3.500 euro. L’uomo ha quindi pensato che l’accaduto fosse collegato all’installazione della nuova app e sporto relativa denuncia, con le forze dell’ordine che stanno al momento svolgendo le opportune indagini.

LEGGI ANCHE >>> La banca non manda sms! Che fine fanno i nostri soldi se ci truffano?

A tal proposito, come spiegato dal responsabile della sede di Verbania di Federconsumatori, Orazio Filocamo, sembra che “siano diversi i cittadini della provincia già vittime di questa truffa, con conseguenti denunce al seguito. Le tecniche di raggiro utilizzate sono purtroppo molto credibili“. Il consiglio, pertanto, è quello di “non fornire codici o dati personali, di registrare le telefonata, di non seguire la procedura guidata e di denunciare subito l’accaduto agli organi di polizia“.