Diritti televisivi Serie A a Dazn, non finisce qui: la controffensiva di Sky

La questione dei diritti televisivi Serie A è destinata a regalare ulteriori sviluppi. Sky ha dichiarato guerra a Dazn e alla Lega Calcio. Ecco i possibili scenari

Serie A
Serie A (Fonte foto: web)

La questione dei diritti televisivi relativi al prossimo triennio di Serie A è destinata a far discutere ancora per molto tempo. Sky non vuole arrendersi e non ha nessuna intenzione di darla vinta a Dazn, che lo scorso 26 marzo ha messo le mani sulle partite del massimo campionato italiano, con un’offerta di 840 milioni di euro.

Si è aggiudicato il pacchetto 1 (quello che comprende la trasmissione di 7 partite in esclusiva assoluta) e il pacchetto 3 (che riguarda la co-trasmissione con un altro emittente delle restanti 3 partite della giornata).

LEGGI ANCHE >>> Serie A: c’è la data di partenza, ma Sky non si arrende di fronte a Dazn

Diritti televisivi Serie A: le prossime mosse di Sky nella battaglia a Dazn

Il problema è che al momento nessuno (compreso Sky) è riuscito ad aggiudicarsi il pacchetto 2 riguardante la messa in onda di tre partite in co-esclusiva. L’offerta di 90 milioni di euro presentata dal colosso televisivo di Murdoch è stata rigettata dalla Lega Calcio perché ritenuta troppo bassa.

Uno scenario che di fatto almeno per ora, fa si che Dazn sia l’unica pay-tv ad avere pieni diritti di trasmissione delle prossime tre stagioni di Serie A. Una condizione che violerebbe i principi della Legge Morandi, secondo cui non è possibile che una sola emittente detenga in esclusiva assoluta i diritti televisivi del campionato di calcio.

Ed è proprio su questo aspetto che Sky fa leva per vincere la battaglia legale che ha intrapreso nei confronti del brand competitore e del massimo organo calcistico del Bel Paese.

LEGGI ANCHE >>> Diritti tv Serie A: Sky non si arrende, la guerra a Dazn è appena cominciata

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Il tribunale di Milano prenderà la sua decisione sulla delicata questione nel giro di qualche giorno. Nel frattempo addetti ai lavori e tifosi aspettano sviluppi per capire in maniera definitiva come vedere le partite a partire dal prossimo 22 agosto (data designata per l’inizio della Serie A 2021/2022).