Vince tre milioni di euro in due giocate: avrebbe potuto truccare il tutto e truffato la lotteria, la polizia indaga

Gratta e vinci (Fonte foto: web)

Fortuna, coincidenze o frode? La polizia italiana sta indagando su un cittadino brasiliano, che in Italia ha comprato in diversi giorni dei Gratta&Vinci, portando più volte a casa ottimi risultati, e finendo per vincere quelli che nel suo Paese valgono come 70 milioni di Pesos circa.

Proprio oggi, il Gratta&Vinci, ha dato una gran gioia ad un misterioso muratore che ha incassato 3 milioni di euro, potrebbe essere lui, l’uomo di origini brasiliane, che ora è sospettato di essere un hacker delle lotterie.

Leggi anche>>> Gratta e vinci: gettano migliaia di euro nell’immondizia, ma c’è chi ci pensa

Tanti milioni vinti con più biglietti della lotteria: la polizia indaga

L’uomo, avrebbe vinto due cifre diverse in 20 giorni. Certo, potrebbe esserci anche una clamorosa coincidenza dietro tutto questo, ma sappiamo benissimo quanto sia possibile truffare le lotterie, anche dopo l’ultimo servizio che ne parla, di Striscia la Notizia. Ebbene, l’uomo in questione, un quarantenne brasiliano di 40 anni, avrebbe incassato due vincite in meno di un mese, cosa che ha insospettito la polizia.

Lo scorso febbraio, l’uomo entrò in una ricevitoria del Nord-Italia, vincendo in euro, un milione. Venti giorni, e ne avrebbe vinti altri due, che nel suo Paese sono circa 48 milioni di Pesos. A quel punto quindi, gli uomini delle forze dell’ordine hanno iniziato ad avere sospetti sulle due giocate in così breve tempo, entrambe vincenti.

Leggi anche>>> Gratta e vinci: due donne sono diventate ricchissime, lasceranno il lavoro

Andando a curiosare sul conto corrente dell’uomo, in effetti, la polizia ha subito scoperto qualcosa di strano. Diversi movimenti di danaro ed un trasferimento di oltre 19 milioni di Pesos inviato su un conto del Banco de Brasil, dello scorso 29 aprile. Per ora la polizia ha quindi deciso di sequestrare l’intera cifra da lui vinta e continuare le indagini. L’uomo, avrebbe potuto truccare gli esiti dei suoi biglietti ed ora è accusato di frode informatica.