Una sentenza emessa da un tribunale pugliese da un duro colpo ai sostenitori e fruitori della misura statale amata da molti.

Reddito di Cittadinanza: chi trova lavoro e non lo dice sta per perderlo
Accrediti Reddito di Cittadinanza

Per molti rappresenta un vero e proprio sono, diciamolo senza alcuna ipocrisia, per molti altri, invece è l’unica fonte di sostentamento, per vivere dignitosamente, per non piombare nella più atroce delle situazioni di sopravvivenza. Il reddito di cittadinanza, croce e delizia per un paese ferito e colpito dagli effetti di una pandemia che non cessa di terrorizzare miliardi di persone in tutto il pianeta. La sentenza del Tribunale di Trani, farà storia.

Una coppia separata e l’uomo che non versa gli alimenti alla donna, la più classica delle storia che il nostro paese è capace di offrire. Si finisce in tribunale, l’uomo, con molta probabilità certo del fatto che il suo reddito di cittadinanza non può essere toccato, dorme sonni tranquilli, ed invece, la sorpresa arriva, amara, improvvisa, tagliente come una lama di coltello che mette in seria discussione ogni sua precedente convinzione.

LEGGI ANCHE >>> Reddito d’emergenza: fino a quando si può fare domanda

Reddito di cittadinanza: il tribunale ha deciso che il pignoramento può arrivare lo stesso

Quello che succede ha dell’incredibile, convinti che certe misure di sostentamento, sussidi e cose simili, non possano sottostare alla logica del pignoramento, molti dormono sonni tranquilli, non sapendo che in alcuni casi, questo può essere trattenuto ed destinato ad una seconda persona. Il caso di Trani, infatti ci dice proprio questo. Il tribunale competente ha infatti deciso per la spartizione del sussidio percepito dall’uomo, tra i due ex coniugi.

La misura in questione, contestata da molti ma sostenuta da milioni e milioni di italiani non fa che dividere nella maggior parte dei casi, gli italiani. Si contesta la mancanza di controlli rispetto all’erogazione dei sussidi, si contesta il fatto che non esistano piani occupazionali, si contesta, spesso, la misura in se.

LEGGI ANCHE >>> Reddito di cittadinanza: scattano le manette per gli abusivi

La sentenza di Trani, di certo farà riflettere molte persone rispetto a convinzioni probabilmente troppo frettolose. La legge, a volte, sorprende e rimescola le carte in tavola. Il reddito di cittadinanza, stavolta, tradisce milioni di italiani.