La Banca Centrale Europea sta ideando l’Euro digitale, la prima moneta digitale dell’Eurozona. Andiamo a scoprire di cosa si tratta e come funziona 

Euro digitale
Fonte Pixabay

Le criptovalute e in generale i beni digitali stanno conoscendo una fase di grande espansione negli ultimi mesi. Le novità però sono in continuo divenire e tra Bitcoin, Ethereum, Dogecoin ben presto potrebbe far capolino sul mercato una nuova ed interessante novità.

In Europa infatti sembra proprio che stia per arrivare una moneta virtuale da proporre come alternativa a quella cartacea. A tal proposito la Banca Centrale Europea ha già pubblicato un rapporto sul Digital Euro, che potrebbe diventare a tutti gli effetti la prima criptovaluta dell’Eurozona.

Presto potrebbe partire la fase sperimentale propedeutica all’introduzione definitiva. In attesa che il tutto diventi ufficiale, cerchiamo di capire come funzionerebbe e quali benefici potrebbe garantire. 

LEGGI ANCHE >>> Euro digitale, importanti novità in arrivo: ecco cosa c’è da sapere

Euro digitale: cos’è e come funziona

Di fatto non è altro che la conversione digitale dello strumento cartaceo, motivo per cui avrà lo stesso valore (ad 1 euro in contanti corrisponderà 1 euro virtuale). Sarà accessibile a tutti (imprese, banche e cittadini privati) e potrà essere utilizzato parallelamente ai contanti nei 19 paesi membri dell’Eurozona.

Una vera e propria innovazione tecnologica-finanziaria ideata per avvicinarsi al blockchain, sistema utilizzato anche per gli ormai più noti Bitcoin. Potranno essere utilizzati per l’acquisto di beni e servizi e potranno essere gestiti attraverso un portafoglio elettronico.

Altro aspetto vantaggioso che di sicuro attirerà l’attenzione degli utenti è il passaggio diretto dalla BCE ai cittadini. Dunque, si potrà fare a meno dell’intermediazione bancaria e ridurre i costi relativi all’apertura di un conto.

LEGGI ANCHE >>> Bonus 500 euro: tutte le offerte del mese a costo zero

Gli istituti bancari però non usciranno di scena definitivamente. A loro spetterà il compito della distribuzione tramite ATM o sportelli bancari verso i portafogli elettronici. Con tutta probabilità questi servizi saranno gestiti da applicazioni comodamente utilizzabili e scaricabili tramite smartphone.