Euro digitale, importanti novità in arrivo: ecco cosa c’è da sapere

Importanti novità in arrivo per tutti gli amanti delle monete digitali. A breve, infatti, potrebbe arrivare anche l’Euro. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere in merito.

Fonte foto: Pixabay

Nato nel 1999, per poi entrare a far parte delle nostre vite nel 2002, l’euro è ormai la nostra moneta di riferimento. Disponibile sia in monete che in banconote di vari tagli, cosa pensereste se vi dicessimo che a breve potrebbe entrare a far parte del mondo delle monete digitali? Ebbene sì, sembra proprio che l’euro digitale possa diventare realtà nel giro di pochi mesi. Stando alle ultime voci in merito, infatti, entro la fine del 2021 dovrebbe avere inizio la fase di sperimentazione della moneta elettronica della BCE.

Una novità senz’ombra di dubbio molto importante, che potrebbe portare con sé delle inevitabile conseguenze dal punto di vista della politica monetaria. Al momento si tratta solamente di un’idea, ma già si inizia a fare le prime ipotesi sui possibili rischi e vantaggi derivanti dall’effettiva introduzione di questa moneta digitale. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere in merito.

LEGGI ANCHE >>> Bitcoin, ecco dove si può pagare con le criptovalute in Italia

LEGGI ANCHE >>> Criptovalute e banche: un futuro tutto da riscrivere

Euro digitale, importanti novità in arrivo: possibili rischi e vantaggi della nuova moneta elettronica

Cashback Bce
Foto di MichaelM da Pixabay

Entro la fine del 2021 si potrebbe assistere alla nascita dell’euro digitale. Al momento non sono ancora chiare le caratteristiche che dovrebbe avere, ma sembra quasi certo che non avrà le stesse caratteristiche delle criptovalute che già conosciamo, come ad esempio i bitcoin. Il funzionamento dell’euro digitale, come è facile intuire, verrà infatti garantito dalle norme che saranno definite dall’Unione Europea. In base a quanto è possibile evincere dal report della BCE dello scorso anno, è possibile ipotizzare che andrà ad affiancare l’euro fisico nello svolgimento delle varie operazioni.

Ma non solo, non dovrebbe essere necessario avere un conto in banca, in quanto per poterle utilizzare basterà utilizzare un’apposita applicazione o portafoglio elettronico prepagato. Numerosi i vantaggi disponibili, come ad esempio la possibilità di imprese e famiglie di accedere ai vari fondi europei senza aver bisogno di intermediari. Dall’altro canto non si possono non prendere in considerazione i possibili rischi, come ad esempio un uso eccessivo di questa nuova moneta, che potrebbe finire per incidere negativamente sulla nostra economia. Al momento, comunque, non è ancora stato definito nulla di preciso in merito, con l’Europa che si appresta a dare il via alle prime sperimentazione nel corso del secondo semestre del 2021. Non resta quindi che attendere e scoprire come si evolverà la situazione.