La pandemia ha fatto passare in secondo piano il pagamento del bollo auto, generando una gran confusione. Cerchiamo di mettere ordine e capire le tempistiche per saldare il tributo

Bollo auto, occhio alle sanzioni: il rischio è molto alto
Pagamenti auto (Fonte foto: web)

Gli automobilisti italiani sono costantemente alle prese con spese e tasse da pagare. L’ultimo anno è stato decisamente complicato visto che molti non hanno potuto utilizzare la propria macchina a causa delle diverse restrizioni attuate prima su tutto il territorio nazionale e poi nelle singole regioni.

Ciò ha comportato anche una difficoltà con il pagamento del bollo auto, che naturalmente è passato in secondo piano in molti casi. La logica conseguenza è stata l’innalzarsi di un polverone piuttosto eclatante che ha generato solo confusione e il mancato adempimento del tributo, che notoriamente è in cima tra quelli più detestati a livello nazionale.

LEGGI ANCHE >>> Bollo auto: si paga o non si paga? Tutte le novità del nuovo condono fiscale

Bollo auto: il tempo a disposizione per mettersi in regola

A tal proposito è importante la novità inserita nel DL numero 3 pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 15 gennaio 2021. Nello specifico prevede il rinvio dal 31 dicembre 2020 al 31 gennaio 2021 della notifica degli atti di accertamento, contestazione, rettifica, recupero dei crediti di imposta, irrogazione delle sanzioni e liquidazione. Ovviamente sono ricompresi anche quelli relativi al bollo auto.

Il decreto Sostegni ha poi disposto un’ulteriore sospensione delle attività di riscossione per le cartelle esattoriali al di sotto dei 5.000 fino al 30 aprile 2021. Andando nello specifico del bollo bisogna effettuare un distinguo tra primo pagamento e rinnovo. In quest’ultimo caso è possibile rientrare con i pagamenti entro il mese successivo alla scadenza. Quindi se il termine ultimo è maggio, il tempo a disposizione per adempiere è il 30 giugno 2021.

LEGGI ANCHE >>> Bollo auto addio: nel 2021 sparisce l’incubo degli italiani

Ad ogni modo è sempre bene aggiornarsi sul portale della propria regione di riferimento. Così da non perdersi eventuali variazioni dell’importo da corrispondere e per verificare il calendario aggiornato dei pagamenti.