Il giocatore della Roma Chris Smalling ha parlato della rapina subita attraverso un messaggio su Twitter. Ecco cosa ha detto l’ex difensore del Manchester United.

Brutta disavventura per il centrale romanista Chris Smalling, vittima di una rapina a mano armata nella su villa romana situata sull’Appia Pignatelli. Stando alla ricostruzione dei fatti sembra che i rapinatori lo abbiano costretto ad aprire la cassaforte e a consegnargli Rolex e gioielli. Fortunatamente lui e la sua famiglia stanno bene e dopo il grosso spavento sono tornati sulla vicenda.

Lui e la moglie hanno voluto ringraziare tutti coloro che hanno espresso solidarietà e vicinanza dopo un avvenimento così scioccante. Al passo coi tempi lo hanno fatto attraverso i social network, non risparmiando qualche battuta sui rapinatori.

LEGGI ANCHE >>> Inter e Roma: una montagna di debiti, numeri impietosi

Smalling: il duro contenuto del suo sfogo su Twitter

Il calciatore inglese ha scelto Twitter per esprimere le sue sensazioni a riguardo e si è avvalso della sua lingua originaria. Il contenuto però è di facile interpretazione e tradotto in italiano è il medesimo: “Volevo ringraziare tutti per i messaggi di vicinanza e di supporto! La mia famiglia seppur molto scossa, è illesa. Spero che queste persone possano trovare un modo più significativo di vivere le loro vite, senza provocare danno o angoscia agli altri”. 

La parte finale quindi è un chiaro e legittimo sfogo, che deve servire come monito a non compiere queste azioni meschine. Le rapine purtroppo non passano mai di moda e seppur si cerchi di trovare sempre nuove tecniche, il risultato è il medesimo, ovvero un sopruso al prossimo.

LEGGI ANCHE >>> L’Europa League della Roma: quanto vale essere in semifinale

Stavolta è andata bene, in molte circostanze si può degenerare in feriti o addirittura in morti. Per questo il messaggio di Sam moglie del calciatore giallorosso suona come un invito da cogliere nella maniera più assoluta: “C’è sempre un’altra strada”. Di seguito il tweet integrale di Smalling.