Oggetto cult di più generazioni, ricordato dalla maggior parte degli italiani per il suo utilizzo quasi sempre necessario.

Gettone teleonico
Gettone telefonico (Adobe)

Generazioni attaccate alla cornetta del telefono pubblico per chiamare casa, magari dal luogo di vacanza o di lavoro, o per chiamare il ragazzo o la ragazza per una chiacchierata fugace quando nemmeno si immaginava cosa potesse essere un telefono cellulare. La cabina, le monete mancanti, o il caro vecchio gettone. Valore indicativo di 200 lire, consentiva una breve chiamata, niente di più, poi certo, si poteva spendere quanto si voleva, avendone la possibilità.

Milioni di persone, insomma, lo hanno utilizzato, ininterrottamente dalla sua messa in circolazione fino all’avvento delle schede telefoniche, che hanno praticamente spazzato via ogni traccia anche solo delle monete, presso i telefoni pubblici. Il futuro insomma, che dopo un po’avrebbe spazzato via anche le stesse cabine telefoniche a vantaggio dei semplici telefoni cellulari e successivamente degli smartphone.

LEGGI ANCHE >>> Se trovi una moneta devi stare attento alla tua auto

Gettone telefonico Stipel, il valore

Acquistabile tranquillamente in ogni bar, il gettone telefonico fu, per modo dire, istituito nel 1959, in concomitanza con la comparsa delle prime cabine telefoniche nelle varie città italiane. Fino a circa la metà degli anni ottanta, il valore del gettone telefonico ha continuato ad oscillare, fino a quando il suo prezzo non è stato fissato a 200 lire. La sua scomparsa è arrivata di pari passo con la comparsa dell’euro, che lo ha, di fatto, mandato in pensione.

Il valore attuale di un gettone letteralmente vi sorprenderà, se consideriamo il suo valore iniziale. Oggi, su aste on line di vaio genere, un gettone originale della Stipel, poi incorporata dalla Sip, può arrivare a valere, in buone condizioni, anche 100 euro.

LEGGI ANCHE >>> C’è una moneta che vale oro: chi se la trova in tasca guadagna 7 mila euro

Un valore incredibile, considerando che si parte da un valore rinchiuso in poche centinaia di lire, forse anche di meno. 100 euro per un gettone telefonico, insomma, rappresentano in ogni caso una signora cifra. Davvero un gran bell’affare per il fortunato possessore di questi preziosi cimeli.