Una modella di origini statunitensi è deceduta in un bed and breakfast situato nel centro della Capitale. Le varie piste su cui stanno indagando le forze dell’ordine.

Un vero e proprio giallo ha sconvolto Roma lo scorso weekend. Una modella statunitense di appena 30 anni è stata ritrovata senza vita in un B&B situato a Via Merulana a pochi passi dalla stazione di Roma Termini. 

Si chiamava Clara Hyun Lee ed era giunta nella città Eterna con un volo proveniente da Parigi. A rendere misteriosa la sua dipartita è la dinamica piuttosto intricata dell’accaduto, su cui sta lavorando la Procura di Roma a stretto contatto con l’ambasciata statunitense.

LEGGI ANCHE >>> Ladri al Flagship Store di Roma, il titolare: “Ora basta, chiudo”

Modella morta a Roma: le ipotesi al vaglio degli inquirenti

Intorno alle 24 della notte tra sabato 10 e domenica 11 aprile la giovane è precipitata dalla finestra del sesto piano della struttura che la ospitava. A lanciare l’allarme sono stati alcuni inquilini del palazzo, ma all’arrivo dei soccorsi il suo corpo è stato ritrovato esanime nel cortile interno dello stabile. 

Immediati i rilievi della scientifica che hanno dato il via alle indagini, che si preannunciano alquanto complesse. Nel frattempo il magistrato ha ordinato l’autopsia sul corpo della giovane. Un particolare che sicuramente potrà fornire già qualche risposta.

Il resto dovranno farlo gli inquirenti con il loro lavoro. Allo stato attuale bisogna considerare qualsiasi tipo di ipotesi, dal suicidio alla caduta accidentale. La stanza in cui era ospite è stata posta sotto sequestro per le verifiche del caso.

LEGGI ANCHE >>> Covid, ancora una vittima a Roma: un carabiniere

Uno dei nodi da sciogliere è relativo alla possibile presenza di altre persone in camera al momento della tragedia. Un particolare che potrebbe aprire a nuove piste. Al momento purtroppo l’unica certezza è che Clara è andata via prematuramente e in un modo davvero atroce.