La comunicazione che gli italiani pensavano di non ricevere potrebbe purtroppo arrivare. Da marzo la cosa è possibile.

Agenzia delle entrate

La comunicazione che milioni di italiani speravano di non ricevere arriverà, purtroppo. In merito alle dichiarazioni dei redditi eventuali irregolarità potrebbero essere segnalate dall’agenzia ai diretti interessati. Da inizio marzo le comunicazioni sono partite verso milioni di italiani che hanno in qualche modo presentato in maniera errata la domanda. A questo punto bisogna soltanto capire se il nostro nome può rientrare tra quelli.

La cosa in se fa molto più discutere in quanto si era parlato di sanatoria che a questo punto non si concretizzerebbe. Parliamo di milioni di utenti già segnati dalle difficoltà della crisi economica e sociale scaturita dalla pandemia. L’illusione di una sanatoria ha spinto molti italiani a non considerare molto la cosa, ma oggi, il discorso sembra essere cambiato.

LEGGI ANCHE >>> Decreto Sostegno, ecco a chi spetta la sanatoria per le Partite IVA

L’Agenzia delle entrate mette paura: il Governo ha iniziato a far partire gli interventi mirati

In questa fase, con i sostegni del Governo partiti in seguito all’approvazione del piano di misure atte a rilanciare il paese, di certo gli italiani non si aspettavano controlli che in qualche modo mettessero ancora più in difficoltà le loro posizioni. La sanatoria, annoi 2017, quindi, potrebbe in realtà rivelarsi l’esatto opposto, con controlli che andrebbero ad inasprire ancora di più la situazione generale di milioni di contribuenti italiani.

Gli avvisi dovrebbero arrivare in questi giorni, con milioni di italiani con il fiato sospeso, speranzosi che tale comunicazione non tocchi proprio a loro. Le eventuali comunicazioni di certo no faranno piacere, perchè si passerebbe da una sanatoria all’obbligo di dover provvedere ad altri pagamenti.

LEGGI ANCHE >>> Agenzia delle entrate, attenti alla falsa mail: così vi rubano i soldi

La situazione, già delicata, rischia di complicarsi ulteriormente per milioni di italiani. A questo punto ci si augura, davvero, di non essere toccati da questa inattesa iniziativa.