L’Agenzia delle entrate invita a prestare attenzione ad un nuovo tentativo di truffa. Sembra, infatti, che stiano giungendo delle finte e-mail attraverso le quali dei malintenzionati cercano di spillare soldi al malcapitato di turno.

Truffa web
Foto: Web

A causa del Covid il governo ha deciso di adottare una serie di misure restrittive al fine di contrastare la diffusione del virus. Un momento storico particolarmente difficile, che ci porta ad un utilizzo, sempre maggiore, di strumenti web, attraverso i quali poter restare in contatto con amici e parenti, seppur fisicamente lontani. A partire dalle mail, passando per i social, fino ad arrivare alle app di messaggistica istantanea, d’altronde, vi è davvero l’imbarazzo della scelta. Il crescente interesse per questo tipi di servizi, però, finisce anche per attirare l’attenzione di alcuni malintenzionati.

Quest’ultimi, infatti, sono sempre pronti a preparare delle vere e proprie trappole attraverso le quali riuscire ad estorcere dati sensibili e denaro al malcapitato di turno. Basti pensare ai vari tentativi di truffa che finiscono ogni giorno per colpire tanti utenti, come ad esempio la truffa del codice a sei cifre di Whatsapp, oppure finti messaggi tramite e-mail o su uno dei tanti social network, che avvisano dell’arrivo di pacchi, in realtà inesistenti. Proprio in questo ambito vi parliamo di una nuova truffa che ha già fatto cadere nella trappola molti utenti e che coinvolge, indirettamente, anche l’Agenzia delle Entrate. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere in merito.

LEGGI ANCHE >>> Carta di credito o bancomat, attenti a questi siti: altissimo rischio truffa

Agenzia delle entrate, attenti alla falsa mail: ecco cosa c’è da sapere

mail violata
Fonte: pixabay

Attraverso un comunicato stampa del 9 aprile, l’Agenzia delle Entrate invita a prestare la massima attenzione ad un nuovo tentativo di truffa. Si tratta, in pratica, di false mail, che sembrano giungere dall’ente, attraverso i quali dei malintenzionati riescono a rubare dati sensibili del malcapitato di turno.

Si tratta di email – si legge nel comunicato – in cui si parla di incoerenze emerse durante la comunicazione delle liquidazioni periodiche Iva inviata dal contribuente alle Entrate, spesso accompagnate da un file malevolo in formato .zip“.

Una situazione che sembra coinvolgere un gran numero di utenti e per questo motivo si invita a prestare la massima attenzione. In particolare, nel caso in cui si dovesse ricevere una comunicazione di questo tipo, è bene cancellare l’e-mail in questione, avendo l’accortezza di non aprire alcun allegato.

In caso di dubbi, quindi, l’ente consiglia di consultare la sezione “Focus sul phishing“, disponibile sul sito ufficiale dell’Agenzia delle Entrate. Qui, infatti, l’ente informa costantemente gli utenti in merito a nuovi tentativi di truffa. In alternativa è possibile contattare il call center al numero 800.909696, in modo tale da poter verificare la propria situazione.

LEGGI ANCHE >>> La banca non manda sms! Che fine fanno i nostri soldi se ci truffano?

Agenzia delle Entrate: come riconoscere una falsa e-mail

Oltre ai consigli finora suggeriti, bisogna sapere che vi sono alcuni accorgimenti utili che possono aiutare a non cadere nella trappola. In particolare bisogna sapere che generalmente le false mail presentano delle caratteristiche che possono far sorgere qualche sospetto sulla effettiva veridicità.

Ne sono un chiaro esempio possibili errori grammaticali, quasi sempre frutto di una traduzione automatica. In genere, inoltre, viene richiesta una password per accedere all’allegato. Un elemento, quest’ultimo, che deve subito far scattare il proprio campanello d’allarme.