I bonus dei vari Decreti non bastano: entrano in campo le Regioni, ecco le categorie di lavoratori interessate

Difficoltà economiche: ci pensano le Regioni, con bonus fino a 1000 euro
1000 euro (Fonte foto: web)

Le Regioni si stanno mobilitando con dei bonus per non lasciare indietro i propri cittadini, in difficoltà economiche. Le prime a muvoersi, sono Lazio e Lombardia, Nello specifico, la Lombardia si è interessata ai lavoratori autonomi, mentre il Lazio ha esteso le indennità a diverse categorie di lavoro.

Bonus previsti tra i 600 ed i 1000 euro, soprattutto per chi lavora nello spettacolo, nel turismo, i lavoratori domestici e titolari di Partita IVA. Spettacolo e cultura, che intanto attendono anche i bonus del Decreto Sostegni.

Leggi anche>>> Bonus mobilità: torna l’incentivo tanto apprezzato dagli italiani

Lazio e Lombardia, a chi andranno i bonus delle Regioni

La Regione Lazio, ha incluso ben cinque diverse categorie di lavoratori, all’interno dei possibili destinatari del bonus da 600 euro, e sono: badanti e colf; collaboratori sportivi; lavoratori in cultura e spettacolo; settore turistico; Partite IVA. Per quanto riguarda la domanda, ci sono diverse misure e quindi diversi requisiti da rispettare.

Badanti e colf che possono rientrarvi, sono quelle con iscrizione di rapporto di lavoro attivo nella Gestione dei Lavoratori domestici INPS con data di inizio minima, 23 febbraio 2020 per lavoro settimanale complessivo superiore a dieci ore e che abbiano sospeso o ridotto l’attività. I collaboratori sportivi devono aver avuto rapporti collaborativi con federazioni sportive nazionali e le discipline sportive associate, gli enti di promozione sportiva, le società e associazioni sportive dilettantistiche hanno dovuto sospendere o ridurre le loro ore di lavoro per la pandemia.

Leggi anche>>> Bonus 2.400 euro: l’Inps annuncia il via dei pagamenti

Stessa data di riferimento anche per chi possiede Partita IVA, ed è iscritto alla Gestione Separata Inps o ad altro ente o cassa previdenziale e che abbia un reddito non superiore a 26.000 euro per il 2020. Per chi lavora in cultura e spettacolo, non c’è una data specifica da seguire, basta aver cessato la propria attività a causa della pandemia, infine per chi opera nel settore del turismo, l’indennità è data a chi ha chiuso o sospeso la sua attività nell’anno 2020.

Per capire invece chi nella Regione Lombardia avrà diritto al bonus da 1000 euro una tantum, la cosa è un po’ più semplice. Prima però, a proposito di bonus, controllate fin quando sarà attivo il vostro bonus vacanze. I bonus di mille euro, andranno nello specifico a chi lavora in due categorie: chi non ha Partita IVA con contratto di lavoro occasionale o per la cessione dei diritti d’autore con rapporti di collaborazione esonerati da un contratto in forma scritta; lavoratori parasubordinati con contratto di collaborazione coordinata e continuativa. La domanda, può essere presentata fino al 12 aprile 2021 per la Dote Unica Lavoro e per la Domanda di Contributo, fino al 30 giugno 2021.