Il caso della bambina scomparsa molti anni fa. La truffa vera e propria organizzata dei media ai danni della madre.

Olesya Rostova, va in tv, in Russia, e racconta di essere stata rapita da piccola, strappata alla sua famiglia. Poi l’orfanotrofio e la sua vita cambiata per sempre, il destino macchiato e deviato, dall’atroce esperienza vissuta. La sua età, la somiglianza impressionante con Piera Maggio, madre che 17 anni fa, a Mazara del Vallo, denunciava la scomparsa della sua piccola di pochi anni, Denise Pipitone. Scomparsa all’improvviso, mentre giocava in strada con i suoi cuginetti.

La somiglianza è impressionante, quella ragazza potrebbe essere Denise, lo pensano in tanti, forse in troppi, il caso comincia a fare gola alle tv, ed in Russia, dove tutto è iniziato pensano bene di trasportare la realtà oltre lo schermo, far, insomma, quello che ormai si fa con qualsiasi cosa. La realtà, i sentimenti, magari calpestarli anche, perchè qui si gioca sulla pelle di una madre che non sa se ha ritrovato o meno la sua bambina, per far soldi.

LEGGI ANCHE >>> Dazn Sky: la battaglia per i diritti tv non è ancora conclusa

Denise Pipitone: quella ragazza non è lei, è una truffa

L’atteggiamento della tv russa, alla fine, cosi come anticipato dallo stesso legale della famiglia di Piera Maggio ha fortemente indignato. Alla fine, tutto è andato proprio in quel modo, che tutti speravano non si concretizzasse. Una vera e propria truffa ai sentimenti, al cuore di una donna e di una madre, alla speranza di ritrovare ancora viva la propria figlia.

Non volevano sottoporsi ad un ricatto morale, legale e famiglia Maggio, quando la tv russa chiedeva la loro partecipazione al programma, conoscendo già l’esito dell’incrocio del dna. Conoscendo già la verità. Quella ragazza, non è Denise. La tv voleva lo show, conoscendo già la risposta che tutti chiedevano.

LEGGI ANCHE >>> Bonus TV, importanti novità in arrivo: ecco cosa c’è da sapere

Oggi Piera Maggio tornerà a cercare la sua bambina, magari meno certa di riuscirci, gli anni inesorabili che passano, cancellano lentamente ogni speranza. Ma la speranza di una madre è più forte di ogni cosa, fin quando potrà, quella donna, sarà li, sulle tracce di quel pezzo di cuore strappatogli anni fa.