I genitori sono conviventi e non si sono sposati, a chi dei due conviene richiedere gli assegni al nucleo familiare?

I genitori sono sposati e non convivono: come richiedere gli assegni al nucleo familiare
Assegni Inps (Fonte foto: web)

Come funzionano gli ANF, assegni al nucleo familiare, per i coniugi non legalmente separati? Secondo la normativa, in caso di genitori conviventi ma non sposati tra loro, solo uno dei due farà parte del nucleo familiare ANF insieme ai figli. Piccola parentesi, ricordate che ci sono diversi bonus INPS che non hanno bisogno di dichiarazioni Isee.

Spesso, i genitori che non abbiano firmato nessun contratto matrimoniale, ma che siano conviventi tra loro, si pongono domande su chi dei due deva addossarsi gli ANF. Molte volte, può essere suggerito loro di far figurare tra i due, quello che percepisce lo stipendio maggiore, come fruitore degli assegni, ma è davvero questa la cosa più conveniente?

Leggi anche>>> Bonus 2.400 euro: ecco la data in cui arriveranno i pagamenti

Assegni al nucleo familiare per i genitori non sposati

Per i genitori che non dovessero essere sposati, la domanda ha diritto ad essere inserita dichiarando soltanto il reddito del genitore richiedente, lasciando da parte quello dell’altra persona. Spesso, la coppia può trarre in questo senso, un bel vantaggio in termini economici.

Se i genitori non sposati convivono, insieme con il loro figlio, l’assegno al nucleo familiare può tranquillamente spettare ad entrambi e la legge non si oppone tramite vincoli su chi dei due deva apporre la richiesta. ANF, che come altri bonus, in tanti non lo sanno, verranno poi sostituiti con l’aumento in busta paga del nuovo bonus, dal prossimo 1° luglio.

Leggi anche>>> Assegni familiari, quando la misura non è per i figli: il caso di nonni e nipote

Per quanto riguarda il genitore a cui conviene richiedere l’assegno, è sbagliato pensare che sia meglio farlo fare a chi dei due percepisce di più. Meglio infatti, farlo fare a chi possiede reddito minore, in quanto l’importo per questa agevolazione, viene calcolato in base al reddito del nucleo familiare. Appunto, in questo caso ne fa parte un solo genitore ed essendo un reddito non alto, i benefici sarebbero maggiori.