La nota applicazione di Google sta vivendo una fase di rinnovata prosperità. Vediamo di quale si tratta e quali sono le sue funzioni principali 

Google
Fonte Pixabay

Reperire informazioni sulle applicazioni è un’attività semplice ma al tempo stesso complicata. Affidarsi ai trend può essere una buona idea, ma per capire qual è l’app più in auge in un determinato periodo è bene capire quanto è stata scaricata.

In tal senso attualmente spicca Files di Google che ha delle funzioni molto interessanti oltre che utili per gli utenti. Pochi mesi fa aveva raggiunto 500 milioni di download e nel giro di non troppo tempo ha superato il miliardo. Un successo strepitoso, che merita una attenzione particolare. Vediamo quindi quali sono i punti di forza di questo strumento.

LEGGI ANCHE >>> Auto e tecnologia: ecco l’assistente vocale di Google sulle 500

Files di Google: cos’è e qual è l’utilità dell’applicazione da 1 miliardo di download

Al contrario di quanto possa sembrare non si tratta di un’applicazione di semplice gestione dei files alla stregua di un qualsiasi file manager. Consente infatti di utilizzare degli strumenti particolari come il riconoscimento di file temporanei, file duplicati o vecchi (che sarebbe meglio rimuovere dallo storage). 

Quella che un tempo era nota come Files Go, adesso sta vivendo un periodo di grazia decisamente unico. Non ci sono dei motivi particolari dietro la crescita esponenziale di questo archivio. Una pista decisamente probabile è quella che su alcuni smartphone Android è installata automaticamente. Quindi al momento dell’acquisto del dispositivo è già presente, il che favorisce la sua conoscenza.

LEGGI ANCHE >>> Google: cosa possiamo nascondere su di noi, tramite i settings

Sbirciare tra le app presenti sul telefono infatti è una prassi piuttosto consuetudinaria e una volta diventata familiare la si consiglia a parenti, amici e conoscenti che a loro volta effettueranno il download. Chissà quale sarà la prossima a spopolare, nel frattempo chi non conosce Files ha tempo e modo per recuperare il tempo perduto.