Il furto dell’auto è uno dei maggiori timori che contraddistingue chi la possiede. Ma ecco quando bisogna fare davvero attenzione.

(Fonte: Pixabay)

L’automobile è senza alcun dubbio uno dei beni più preziosi e a cui si è maggiormente legati. Ed è per questo che i dati legati ai furti non possono non far discutere e non preoccupare. Le statistiche infatti sono davvero tutte da analizzare e da spiegare.

Infatti si parla di numeri in continuo e costante aumento. E poi c’è una truffa che sta diventando la più utilizzata. Ma di che cosa si tratta e a che cosa ci si riferisce? Giusto entrare nel dettaglio e nello specifico per provare a capire quando occorre fare una maggiore attenzione. L’interesse non può non essere tanto sotto questo punto di vista.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE >>> Bollo o non bollo? Il grande dilemma degli automobilisti italiani

Furto auto, ecco quando si può davvero correre un grosso rischio

(Fonte: Pixabay)

Nonostante la tecnologia sta facendo passi da gigante, ci sono dei sistemi a cui purtroppo non si può riuscire a sfuggire. Tra questi possono essere ricordati il finto avviso di gomma per terra, la truffa dell’uovo sul parabrezza, quello della moneta incastrata nella maniglia, oppure quella dello specchietto rotto. Insomma, questi sono soltanto alcuni degli esempi che possono essere citati. Infatti, grazie a questi stratagemmi, i ladri possono davvero impiegare pochissimi secondi per rubare la nostra automobile.

Tra l’altro anche i ladri utilizzano dispositivi elettronici avanzati. Infatti sono in grado di clonare il transponder di apertura delle porte e accensione, ma anche di usare dispositivi capaci di aggirare l’immobilizer integrato nelle autovetture e di sostituire le componenti elettroniche a bordo, con altre modificate. Insomma, un qualcosa di cui non si può non tenere conto.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE >>> Condono, ecco quando può riguardare il bollo auto

Ma ci sta un vecchio trucco che ancora oggi viene utilizzato, ossia quello della bottiglia vuota tra la ruota e il parafango. La bottiglia viene messa dal lato del passeggero. Il proprietario dell’auto entra, inserisce la chiave nel cruscotto e avvia il motore e parte. Le ruote, muovendosi, generano a causa della bottiglia un rumore insolito e l’autista di istinto e spaventato dal fracasso mette in folle e scende dall’auto, lasciando le chiavi inserite. L’unico modo per difendersi é quello di chiudere sempre la porta con l’antifurto.