Lo Spid è uno strumento che viene utilizzato da molti, ma che ha molteplici sfaccettature. Ma ecco quale potrebbe essere il rischio.

spid dato
(Fonte: Pixabay)

Lo SPID è davvero una delle grandi novità di questi ultimi tempi. Infatti questo può essere descritto come il sistema unico di accesso con identità digitale ai servizi online della pubblica amministrazione italiana e dei privati aderenti. Dunque sono sia cittadini e imprese che possono accedere a tali servizi con un’identità digitale unica che ne permette l’accesso e la fruizione da qualsiasi dispositivo.

Mentre via via si studiamo armi, soluzioni e strategie per poterne usufruire anche senza web, il tutto va analizzato nelle sue molteplici sfaccettature, in quanto può contenere anche dei rischi non indifferenti e non di poco conto. Ma di che cosa si tratta? Giusto entrare nel dettaglio e nello specifico.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE >>> Poste Italiane, ecco come si può richiedere lo Spid

Spid, ecco quali possono essere i rischi: i dettagli

(Fonte: Pixabay)

In molti hanno parlato della possibilità di usufruire del cashback pur non avendo lo Spid, ma questa volta le attenzioni si sono concentrate su ben altro. Infatti questo sistema può avere dei rischi non di poco conto. Ma a che cosa ci si riferisce? Il punto è che, accedendo con la propria identità digitale ai servizi anagrafici di alcuni Comuni, diventa poi possibile richiedere certificati di altre persone. In che modo? Conoscendo semplicemente il codice fiscale.

Un qualcosa che ovviamente e inevitabilmente pone un evidente problema di privacy. C’è stato un immediato intervento del Garante, ma gli interrogativi e i dubbi non sono certo stati sciolti. Il rischio è, come in molti capiranno, legati al fatto che i dati personali e sensibili possono fare gola a molti. Il punto poi è che l’interessato non verrà a conoscenza di chi può aver chiesto il suo stato di famiglia o comunque un altro tipo di certificato.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE >>> Quanti sono gli italiani che usano lo Spid? Ecco i dati di inizio 2021

Ma quale potrebbe essere la soluzione? Molto probabilmente introdurre un alert quando questo accade. Un qualcosa che tra l’altro succede già in Austria. Non resta che attendere se questo sarà introdotto anche nel Belpaese. Qualche strategia va comunque inevitabilmente studiata e inventata.