Smart working: è comodo, ma c’è uno svantaggio di cui nessuno parla

Lo smart working comporta enormi vantaggi in termini di comodità e risparmio. In pochi però considerano l’aumento di alcuni costi basilari

smart working
Fonte: Photo by Marta Filipczyk on Unsplash

Il lavoro da remoto è ormai una dimensione consolidata. Nell’ultimo anno diverse società hanno relegato i loro dipendenti ad una condizione domestica. Oltre che per fronteggiare l’emergenza covid, questa soluzione si è rivelata utile per le aziende che hanno meno consumi e naturalmente per i lavoratori stessi.

In un solo colpo via le spese di trasporto/carburante e per il pranzo, incremento in termini di comodità (ci si può alzare leggermente più tardi e lavorare in rigorosamente in pigiama) e miglioramento della gestione del proprio tempo. Una sorta di oasi lavorativa se vista solo in quest’ottica. In realtà però lo smart working ha anche degli aspetti negativi di cui uno di non poco conto.

LEGGI ANCHE >>> Smart working e call conference: le figuracce più ricorrenti diventate virali (VIDEO)

Smart working: l’enorme svantaggio passato inosservato

Si tratta dell’aumento del costo delle utenze domestiche. Soprattutto nel periodo freddo dell’anno, il lavoro da casa comporta un maggior dispendio in termini di riscaldamento oltre che di elettricità. Secondo i dati riportati da Tado (azienda specializzata nella climatizzazione domestica) lo scorso inverno gli italiani hanno speso il 22% rispetto a quello precedente per quanto concerne il riscaldamento. 

Anche i consumi di acqua e gas sono lievitati, ma d’altronde passando la maggior parte del tempo a casa questa è una logica conseguenza. Probabilmente in pochi l’hanno percepita visto che sono stati abbattuti gli altri costi sopracitati.

LEGGI ANCHE >>> Amazon, nuova offerta di lavoro in smart working: ecco di cosa si tratta

In generale questo nuovo modo di lavorare alla lunga può diventare alienante e può comportare più distrazioni visto che ci si rilassa maggiormente. Per questo motivo in molti paesi stanno nascendo spazi e uffici di co-working, dove poter lavorare in compagnia e senza distrarsi. Così si può scindere meglio il lavoro dalla propria intimità casalinga, che altrimenti rischiano seriamente di fondersi.