Utilizzava i soldi del reddito di cittadinanza per ricaricare i conti di gioco online, omettendo di aver vinto ben 110 mila euro. Entriamo nei dettagli e vediamo cosa è successo.

 

A causa del coronavirus l’esecutivo ha deciso di optare per una serie di misure restrittive volte a contrastarne la diffusione. Un contesto particolarmente difficile da gestire, per via delle varie ripercussioni sia dal punto di vista sociale che economico. In molti, infatti, si ritrovano a dover fare i conti con delle minor entrate a causa della chiusura della propria attività, rendendo così complicata la gestione del budget famigliare. Proprio per questo motivo non stupisce il fatto che nel corso degli ultimi mesi si sia registrato un boom di richieste del reddito di cittadinanza, come forma di aiuto in momento di crisi come quello attuale.

In tal senso, infatti, sono in molti ad aver accolto con piacere la decisione dell’attuale esecutivo di rifinanziare il reddito di cittadinanza per un valore pari a 1 miliardo di euro grazie ad Decreto Sostegni. Dall’altro canto non mancano, purtroppo, i cosiddetti furbetti, ovvero coloro che pur non avendone diritto continuano a percepire tale sussidio. Ne è una chiara dimostrazione quanto successo in provincia di Grosseto, dove la Guardia di Finanza ha scoperto un uomo che usava il reddito di cittadinanza per ricaricare i conti di gioco online. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo cosa è successo.

LEGGI ANCHE >>> Viaggia con la Ferrari: in tasca il Reddito di Cittadinanza

Vince 110 mila euro ma prende lo stesso il reddito di cittadinanza: denunciato

reddito cittadinanza
adobestock

La Guardia di finanza di Grosseto e la tenenza di Orbetello hanno di recente scoperto un furbetto del reddito di cittadinanza. Quest’ultimo, infatti, ha percepito ben 6 mila euro di tale sussidio, omettendo un dato importantissimo, ovvero di aver vinto ben 110 mila euro grazie ai giochi online.

Ma non solo, utilizzava proprio i soldi del reddito di cittadinanza per ricaricare i conti di gioco, continuando in questo modo a giocare. Dopo aver controllato le Dsu, ovvero la Dichiarazione sostitutiva unica, le fiamme gialle hanno notato come l’uomo continuasse ad indicare di avere un patrimonio mobiliare pari a zero.

LEGGI ANCHE >>> Reddito di cittadinanza: “il trucco” utilizzato per comprare anche generi proibiti

In seguito a delle indagini, però, è stato appunto scoperto che l’uomo era titolare di vari conti di gioco online, grazie ai quali era riuscito a vincere oltre 110 mila euro. Una somma che non ha dichiarato al fisco, continuando così a percepire il sussidio. Lo scommettitore, quindi, è stato denunciato e rischia dai 2 ai 6 anni di reclusione.