Allacciarsi in maniera illecita al contatore altrui è un atto punito dalla legge. Vediamo quali rischi e quali sanzioni sono previste in questi casi 

contatore luce
Fonte Pixabay

Allacciarsi al contatore di altri utenti è una pratica ancora piuttosto diffusa. Un’azione disonesta oltre che meschina, in cui si trae vantaggio utilizzando servizi pagati da altri addirittura in maniera spropositata visto l’inganno.

Infatti i malcapitati di turno si ritrovano a fare i conti con aumenti delle bollette di luce, gas o acqua senza nemmeno sapere il perché. D’altronde chi potrebbe immaginare che dietro i rincari in realtà si cela una vera e propria truffa? Quando si riscontrano dei costi eccessivi rispetto al passato, è bene fare delle verifiche e non escludere nessuna possibilità, nemmeno quella che qualcuno abbia escogitato questo losco piano.

LEGGI ANCHE >>> Cambiano il contatore elettrico, ma la bolletta si trasforma in un incubo

Attaccarsi al contatore di altri in maniera indebita: ecco a quali sanzioni si va i contro

Naturalmente si tratta di un reato e come tale è perseguibile dalla legge. Oltre all’illecito penale (furto aggravato) si viene puniti anche per l’utilizzo di mezzi fraudolenti. Infatti per compiere queste azioni, il malvivente si avvale di strumenti o tecniche “ingegnose” come l’allacciamento ai cavi della rete, il collegamento al cavo di alimentazione di un altro utente, la rottura del sigillo del distributore e la manomissione del contatore, solo per citare alcuni dei più classici esempi.

Visto quanto detto riguardo alla gravità della situazione, si rischia di incorrere in sanzioni piuttosto severe. Per il furto aggravato è prevista la reclusione da due a sei anni oltre che una sanzione pecuniaria che varia dai 927 ai 1500 euro. Qualora vengano appurate ulteriori aggravanti la detenzione può aumentare da tre a dieci anni.

LEGGI ANCHE >>> Luce e gas: previsti rincari ad aprile, ma esiste un modo per risparmiare

Un esempio calzante in tal senso è quello di un individuo che si allaccia ad un contatore di un edificio pubblico. Insomma c’è da stare attenti. La denuncia può essere effettuata non solo dal diretto interessante, bensì da soggetti terzi (magari inquilini dello stesso palazzo), che si accorgono in maniera casuale della manomissione del contatore.