Ancora una truffa sulla vendita di auto usate: nello specifico qui le vetture provenivano dall’estero, ecco cosa accadeva

Auto in vendita (Fonte foto: web)

Evadevano l’Iva sulle auto usate di importazione che dovevano poi rivendere. Cosa provocava questo mancato pagamento? Un buco nelle casse dell’erario di diverse centinaia di milioni di euro. Ma non solo, questa truffa ai danni dello stato, andava poi a confluire nel mercato, a danno di chi vende nel rispetto di tutte le regole.

Questa, è solo l’ultima in ordine cronologico, tra le notizie su truffe legate alla vendita di auto. Solo due giorni fa, fu scoperto anche un altro venditore che usava dei trucchetti, a discapito degli acquirenti.

Leggi anche>>> Mercato auto, con la fine degli incentivi immatricolazioni giù. Tutti i dati

Truffa nella vendita delle auto: un danno per tutti

Il problema maggiore, una volta che le auto finivano sul mercato in maniera irregolare, era proprio per gli acquirenti. Infatti, loro erano assolutamente provi di conoscenza di tutto ciò che non era stato pagato in precedenza su quelle vetture e dal momento in cui vi entravano in possesso, iniziavano le seccature. Proprio perché non sarà sicuramente questa l’ultima truffa legata alle vetture, vi abbiamo già consigliato cosa sapere al momento di comprare un’auto usata.

Molto spesso pagava il fatto che chi comprava, non si documentava abbastanza e credeva appunto, di poter comprare delle auto usate, provenienti da altri Paesi dell’Ue, traendo un vantaggio da possibili risparmi, anche se pare strano che nessuno si fosse mai fatto venire qualche dubbio.

Leggi anche>>> Volevano comprare delle auto di lusso, si sono ritrovati con il conto prosciugato

Ma il risparmio legato ad auto comprare fuori Paese, sembra colpire molto gli acquirenti italiani. Secondo una ricerca di Fleet&Mobility, dopo aver elaborato i dati del Ministero dei Trasporti e dell’Aci, abbiamo come risultato che le immatricolazioni di vetture usate che provengono dall’estero, sono passate da dalle 44mila del 2016 alle 155mila nel 2018. Il giro di affari, investe circa 3 miliardi di euro.