C’è grande curiosità nel mondo del lavoro per quello che accade in un azienda italiana. Ma ecco tutti i dettagli.

(Fonte: Pixabay)

Quando si parla del mondo del lavoro sono tante le curiosità di cui si può parlare. In molte attirano, soprattutto in un momento come quello che si sta vivendo, tantissime attenzioni. Ed ecco che, mentre si prova a capire il requisito giusto per trovare un’occupazione, a far parlare è ciò che accade in un’azienda di Milano.

Il riferimento è alla Carter & Benson. Quest’ultima è una società di consulenza strategica e ricerca di top manager che ha sede in quel di Milano, più precisamente in Foro Buonaparte. Ma che cosa accade in quest’azienda? In questo luogo i dipendenti adesso lavorano un giorno in meno, pur continuando a percepire lo stesso stipendio. Giusto però entrare nel dettaglio e nello specifico per capire il tutto.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE >>> Amazon, nuova offerta di lavoro in smart working: ecco di cosa si tratta

L’azienda dove da oggi si lavora solo quattro giorni con lo stesso stipendio
A spiegare tutto è stato ai microfoni di Milano Today, Wiliam Griffini, Ceo della società lombarda, Le sue parole hanno suscitato un grande interesse e tanta curiosità: “Sono stato fortunato nella vita. E questo perché, oltre a portare avanti il processo di innovazione delle attività di consulenza strategica in Carter & Benson, sono partner e business angel di numerose società. In queste ultime intravedo un futuro di successo e da tempo mi impegno molto nel sociale. Ed è per questo che ritengo giusto restituire ciò che ho avuto la fortuna di ricevere“.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE >>> Pandemia, chi perde il lavoro? Soprattutto donne e giovani

Insomma, l’idea è quella di creare una sorta di vero e proprio lavoro part time. Tutto nasce da una riflessione su come far star bene le persone. Volevamo dare un benefit che fosse qualcosa di più di due ore di sport, di un coffee break o di un buono pasto, che tra l’altro già offriamo. Avere maggior tempo a disposizione rende sicuramente più motivate le persone e la nostra squadra più stabile“, ha chiosato Griffini. Insomma, un modo per vivere meglio e per trovare un equilibrio tra vita privata e lavoro.