La rivista americana di economia Forbes ha redatto la classifica dei cantanti più pagati nell’ultimo decennio. Vediamo chi ne fa parte e quanto ha guadagnato

Cantanti più pagati
Fonte Facebook – Beyonce

Essere un cantante affermato non vuol dire solo avere talento e godere di indiscussa popolarità, bensì anche avere dei consistenti introiti. Incidere periodicamente degli album e andare in tour in giro per il mondo comporta ogni anno dei guadagni piuttosto importanti agli artisti più affermati.

Inoltre bisogna considerare che in virtù della loro immagine, diverse star vengono scelte per spot pubblicitari, per apparizioni cinematografiche o come testimonial di eventi. Insomma i loro patrimoni lievitano rapidamente nel giro di poco tempo.

LEGGI ANCHE >>> Il disco è la storia della musica: i più venduti di sempre

Cantanti più pagati degli ultimi 10 anni: classifica e guadagni

Per questo motivo Forbes, rivista di carattere economica abbastanza nota negli Stati Uniti, ha deciso di indagare sulla ricchezza dei cantati per poi redigere una classifica relativa ai loro possedimenti.

L’unico parametro che è stato svelato è quello temporale. Sono stati infatti presi in considerazione gli ultimi 10 anni, mentre non sono stati specificati da dove derivano tutti i proventi acquisiti in questo lasso di tempo.

Vediamo nel dettaglio la speciale graduatoria per capire chi sono i “paperoni” del panorama musicale mondiale. Eccola qui di seguito:

  • Dr Dre (950 milioni di dollari),
  • Taylor Swift (825 milioni di dollari),
  • Beyoncé (685 milioni di dollari),
  • U2 (675 milioni di dollari),
  • P.Diddy (605 milioni di dollari),
  • Elton John (565 milioni di dollari),
  • Jay-Z (560 milioni di dollari),
  • Paul McCartney (535 milioni di dollari),
  • Katy Perry (530 milioni di dollari),
  • Lady Gaga (500 milioni di dollari).

LEGGI ANCHE >>> Quali sono i 7 cantanti più ricchi del nostro paese?

Insomma, tutti artisti di un certo spessore che con le loro creazioni hanno emozionato e movimentato il pubblico in ogni angolo del globo fino all’avvento del covid-19. L’auspicio è che possano tornare a farlo il prima possibile, visto l’impatto che ha la musica sul benessere psicologico delle persone.