Le banche stanno convergendo sempre più verso una dimensione digitale, mettendo da parte i contanti. Un cambiamento che lascia in dote diversi interrogativi 

contanti

Tra i nostri dati personali ormai non figurano solo quelli incisi sui documenti, bensì anche quelli relativi ai movimenti sul nostro conto corrente, che rappresentano il 30% delle nostre attività finanziarie. 

Ad accentuare questo fenomeno è stata anche la direttiva europea sui pagamenti PSD2 che di fatto ha aperto alla condivisione dei dati tra i vari protagonisti del panorama bancario. Di fatto sono gli stessi clienti ad autorizzare le banche.

LEGGI ANCHE >>> Stangata per chi paga in contanti: tutte le multe previste

Contanti verso l’abolizione: ecco per quale motivo

Utilizzando gli ormai comuni termini anglofoni questa nuova tendenza prende il nome di “Open banking”. I dati in questione vengono riutilizzati da chi opera nel mercato, che in futuro agirà secondo gli interessi dei consumatori, senza naturalmente tralasciare i loro.

A denunciare questo cambiamento è stato il noto sito “nicolaporro.it”, che ha sottolineato come questo passaggio di dati non sia altro che una cessione della propria libertà. Il tutto è stato accelerato dall’avvento del covid-19, che secondo una una ricerca di Deloitte (società di consulenza), il 32% degli italiani si è cimentata in canali di vendita digitali, mentre il 32% ha fatto uso di servizi e-banking. 

Una tendenza che non scomparirà nemmeno quando la pandemia sarà solo un triste ricordo. Infatti questa mutazione di fatto non richiesta, si sta radicando nella società e tornare indietro sarà di fatto impossibile.

Bisognerà abituarsi al fatto che le operazioni effettuate con strumenti elettronici, “racconteranno” un po’ di noi e delle nostre abitudini di spesa. In tal senso il Cashback è un ulteriore alleato di chi lavora con questo genere di dati. La gente infatti ingolosita dalla prospettiva di ottenere il 10% su ogni acquisto sta utilizzando sempre di più carte e bancomat. 

LEGGI ANCHE >>> Spese sanitarie in contanti, cosa fare per non perdere la detrazione

Ecco spiegato perché eliminare il contante può essere importante. Non essendo un mezzo tracciabile, non consente di informare gli organi bancari riguardo le preferenze delle persone.