Il tragico avvenimento si è verificato presso la banca Monte Paschi Siena situata in pieno centro a Viterbo. L’allarme è scattato quando i familiari non l’hanno visto tornare a casa

Banca
Fonte Instagram – @bancalive

Un fulmine a ciel sereno ha scosso il mondo delle banche in particolar modo quello della Monte dei Paschi Siena di Viterbo. Un impiegato di soli 54 anni è stato trovato senza vita all’interno della filiale situata su Corso Italia, in pieno centro cittadino.

Si chiamava Antonio Lupo e al momento il suo decesso sembra riconducibile a cause naturali, probabilmente ad un infarto visto che sul corpo non ci sono segni di violenza. Non ci sono però ancora conferma ufficiali in tal senso. Solo i risultati dell’esame autoptico potrà far chiarezza su una vicenda che la lasciato di sasso l’intera città dell’alto Lazio.

LEGGI ANCHE >>> Versamenti presso l’ATM bancomat: quando la banca può indagare

Impiegato morto in banca: la dinamica della triste vicenda

Prima del ritrovamento del corpo, la famiglia aveva lanciato l’allarme perché Lupo non era tornato a casa, come era solito fare dopo il lavoro. A destare ancor più preoccupazione sono state anche le mancate risposte alle chiamate effettuate. Una volta avvertita la polizia locale, gli agenti hanno pensato bene di andare a verificare se fosse ancora sul posto di lavoro.

Un’intuizione giusta, ma nessuno si sarebbe mai potuto aspettare un epilogo così agghiacciante. Era seduto ancora al suo posto, ma il suo cuore aveva già smesso di battere da diverse ore. Probabilmente solo una pura casualità ha fatto sì che il direttore della banca non si sia accorto della sua presenza prima di chiudere la filiale. 

LEGGI ANCHE >>> Truffa della banca: ripuliscono il conto fingendosi dipendenti

Una tragedia a tutti gli effetti visto l’età della vittima, che lascia i suoi cari e i suoi colleghi tra stupore e la tristezza. La Tuscia ancora una volta si ritrova a dover fare i conti con avvenimenti nefasti e senza logica.