Versamenti presso l’ATM bancomat: quando la banca può indagare

Esistono i limiti di prelievo e versamento? Soprattutto, capiamo se compiendo l’operazione presso l’ATM bancomat cambia qualcosa

Atm Bancomat (Fonte foto: web)

Per i più abituati all’avanzare della tecnologia, soprattutto in periodo di restrizioni per il Covid, ormai non solo i prelievi, ma anche i versamenti avvengono direttamente allo sportello bancomat. Anche qui però c’è l’inghippo, e quale: il limite di denaro da poter versare all’ATM bancomat.

Forse in questo modo sarà più semplice ricordare le cifre versate, che se messe insieme al controllo delle spese per il conto corrente, dovrebbero aiutare a sapere quanto abbiamo in banca senza sorprese.

I soldi liquidi, possono essere utilizzati per tutto il 2021, solo per pagamenti pari o inferiori ai 1.999 euro. Nel 2022, la soglia scenderà ulteriormente, fino ai 1.000 euro. Questa mossa, è fatta come è possibile immaginare, per abbassare la soglia dei movimenti non controllati, perché appunto effettuati tramite contante. Ma cosa succede se abbiamo del contante e invece di effettuare una spesa, vogliamo traslarlo nell’ATM, anche con cifre superiori a 2.000 euro?

Leggi anche>>> Conti correnti online, ecco il “podio”: i tre top scelti dagli italiani

ATM bancomat: attenzione ai limiti o resteremo fregati

Per quanto riguarda il prelievo, ogni carta ha il suo limite a seconda di varie caratteristiche, ma per il versamento, limiti non dovrebbero essercene. Tra l’altro usando lo sportello, senza nemmeno il personale ‘umano’ al banco, nessuno controllerà quanti soldi abbiamo messo sul nostro conto, e di fatto non c’è nessun termine tecnico per ogni tipo di versamento.

Queste sono cose molto importanti da sapere, proprio perché anche quando non ci saranno più le restrizioni per la pandemia, le persone faranno sempre più ricorso alla tecnologia, anche per l’uso dei bancomat. Oggetti, tra l’altro che stanno per cambiare formato e mezzi di sicurezza.

Leggi anche>>> Truffa della banca: ripuliscono il conto fingendosi dipendenti

Comunque, anche se non ci sono limiti effettivi per i versamenti, attenzione a quelli cosiddetti anomali, perché pur non avendo limiti imposti, un versamento può risultare tale, se non rispetta il profilo economico finanziario del cliente.

Infatti, un professionista che dovesse compiere continuamente dei versamenti, o un privato che improvvisamente ne compisse uno molto alto, potrebbe essere richiamato dalla banca per spiegare come mai questo avvenga. Quindi, per un eventuale versamento che potesse risultare sospetto, meglio sempre farlo al banco, o al massimo, preannunciare alla banca, l’operazione.