Nè Roma nè Milano, la città più cara d’Italia è insospettabile

Al contrario di quanto si possa pensare nessuna delle due grandi metropoli del Bel Paese è la città più cara d’Italia. Ecco qual è la più onerosa in base ad alcuni fondamentali parametri

Città più cara d'Italia
Fonte Pixabay

L’Italia notoriamente vive tra congetture e pregiudizi, che non fanno altro che influenzare la vita quotidiana. Considerazioni che non influenzano solo a livello culturale e territoriale, bensì anche per quanto concerne la sfera economica.

Erroneamente infatti siamo portati a pensare che i luoghi più cari rapportati al costo della vita siano i grandi centri, su tutti Roma e Milano. Essendo le due grandi metropoli per eccellenza del Bel Paese sono anche quelle che offrono più servizi ed opportunità.

In realtà a detenere questo primato è una località decisamente più piccola e di conseguenza più organizzata e vivibile. Vediamo di quale si tratta e soprattutto quali sono i parametri che la rendono tale.

LEGGI ANCHE >>> Case in affitto, gli effetti negativi del Covid sulle grandi città d’arte

LEGGI ANCHE >>> Trasferitevi in questa città e vi regalano un sacco di soldi

L’insospettabile città più cara d’Italia: ecco dove si trova

In base ad uno studio condotto dall’Istat la città più dispendiosa d’Italia da un punto di vista economico è Bolzano. Trattandosi di una provincia autonoma ancora oggi fortemente influenzata dalla cultura sudtirolese ha un tenore di vita completamente diverso rispetto ad altri luoghi sparsi in giro per lo stivale.

La curiosità maggiore però riguarda i parametri utilizzati per stabilire ciò. In primis è bene specificare che sono state analizzate le città con più di 150mila abitanti. In seguito è stata effettuata una comparazione dei prezzi dell’immobiliare, beni di consumo, trasporti fino ad arrivare all’inflazione. 

Il risultato è che Bolzano in sé non è poi così svantaggiosa a livello economico, ma rispetto alle altre è un tantino più costosa. Un problema che però è abbattuto dai salari medi percepiti (più alti rispetto al resto d’Italia), che sono decisamente in linea con i prezzi dei beni essenziali. Il segreto sta nella capacità di sapersi adattare e di farsi largo in una società un po’ differente rispetto ad altre del nostro paese.