Un anno di pandemia e tutto è stato rivoluzionato. Non solo il quotidiano, ma persino l’aspettativa di vita nel nostro paese.

Immunità di gregge: non è così lontana, ecco quando
File con mascherina (Fonte foto: web)

Il virus ci ha cambiato la vita, questo è indubbio. Un anno di pandemia ha rivoluzionato completamente, radicalmente ogni aspetto del nostro quotidiano. Dal modo di lavorare a quello di uscire, di festeggiare, di cenare fuori o pranzare all’aperto. Ogni minimo aspetto della nostra vita è variato dal marzo 2020. Niente di immaginabile fino a pochi anni fa, eppure è successo, il covid ha letteralmente spazzato via ogni nostra sana, o meno, abitudine.

Cinema, teatri, stadi, niente è più come una volta, il pranzo al ristorante è una chimera, la cena manco a dirlo. Passeggiare per vetrine è diventata una vera e propria impresa, ed anche le feste comandate non sono più quelle di una volta. Come se non bastasse a mutare radicalmente c’è un altro fattore degno di considerazione. Il dato sull’aspettativa di vita nel nostro paese, crollato anch’esso, forse come naturale risultato dei giorni che da troppo tempo viviamo.

LEGGI ANCHE >>> Istat, che dati sul livello di povertà: mai così dal 2005

LEGGI ANCHE >>> Fatturato di imprese e servizi: la brutta notizia annunciata dall’Istat

Il covid ha abbassato l’aspettativa di vita: ecco i dati forniti dall’istituto

Tra il 2010 e il 2019  la speranza di vita, calcolata nel nostro paese alla nascita nascita è ha sempre avuto un andamento positivo, nel senso che tendeva a salire anno dopo anno,tra gli  81,7 anni del 2010 e gli 83,2 del 2019. Poi, ecco il covid, e cosi nel 2020 la discesa a 82,3 anni.

Il presidente Istat, Gian Carlo Blangiardo, ha cosi spiegato tale andamento: “Gli indicatori hanno registrato impatti particolarmente violenti su alcuni progressi raggiunti in dieci anni sulla salute, annullati in un solo anno”. Nel nord Italia, ad esempio,   la speranza di vita passa da 82,1 anni nel 2010 a 83,6 nel 2019, per calare poi a 82 anni nel 2020. Nel Centro passa da 81,9 nel 2010 a 83,1 anni nel 2020 e nel Mezzogiorno da 81,1 a 82,2 anni. Niente è salvo insomma, i dati parlano chiaro, il virus, tra noi, oltre che far ammalare ed uccidere migliaia di contagiati, mette in discussione il futuro dell’intero paese, una vera e propria catastrofe.