Case a 1 euro, paese della Basilicata aderisce all’iniziativa: i dettagli

Sono sempre più numerosi i comuni che propongono le case a 1 euro per combattere il fenomeno dello spopolamento. Stavolta è un paese della Basilicata a proporsi

Case a 1 euro
Fonte Instagram – @basilicatainfoto

Acquistare una casa è una delle complicazioni maggiori per le famiglie italiane. Trovare un compromesso con il venditore ed ottenere un mutuo da una banca non sono pratiche così semplici e sbrigative.

Esiste però un’alternativa low cost che potrebbe far gola di questi tempi. Bisogna però mettere in preventivo un “piccolo” sacrificio. Molti piccoli comuni in Italia propongono infatti case a 1 euro per cercare di dare nuova linfa alla popolazione di aree che ormai sono sempre più abbandonate.

La prospettiva di vivere in città con tutti i servizi a portata di mano va per la maggiore. Ciò ogni anno comporta un esodo piuttosto significativo da paesi e borghi situati a chilometri di distanza dai grandi centri.

LEGGI ANCHE >>> Crisi economica: il numero di case finite all’asta è da record

LEGGI ANCHE >>> L’effetto coronavirus non perdona: aumento vertiginoso di case pignorate

Case a 1 euro, non solo Basilicata: le altre località che hanno avanzato la medesima proposta

Sulla scia di questo trend, il comune di Laurenzana (1700 abitanti circa) situato in Basilicata in provincia di Potenza, ha deciso di mettere in vendita le proprietà abbandonate alla modica cifra di 1 euro. A rendere ancora più conveniente l’affare è la mancata richiesta di cauzione.

Alla base di questo provvedimento c’è la voglia di incentivare le persone ad acquistare, senza creargli complicazioni di carattere burocratico. A ribadirlo è stato il primo cittadino del borgo lucano Michele Ungaro, il quale però ha spiegato che ci saranno comunque alcuni paletti.

In primis bisogna avere un progetto di ristrutturazione dell’immobile che si compia in 365 giorni dall’acquisto. I lavori devono partire entro 2 mesi dalla concessione dei permessi. Vanno aggiunte inoltre le spese notarili per la registrazione, volture e accatastamento. L’unica garanzia richiesta dal Comune è una polizza fidejussoria di 5mila euro della durata di 3 anni. Terminato questo lasso di tempo viene poi rimborsata.

Sulla stessa scia anche alcune località pugliesi hanno deciso di intraprendere questo percorso di vendita delle case a 1 euro. Insomma, le opportunità non mancano, sia per chi ha bisogno della prima casa, sia per chi vuole ampliare i propri orizzonti con una seconda abitazione in un luogo tranquillo o magari vuole mettere in piedi un business alternativo, come ad esempio una casa vacanze.