Truffa su Whatsapp: a rischio c’è la nostra carta di credito

Su whatsapp sta circolando una truffa che attraverso il solito meccanismo di phishing punta ad impadronirsi degli estremi di carte e bancomat

Truffa Whatsapp
Fonte adobe

La sicurezza è uno dei punti di forza di Whatsapp, ma basta davvero poco per minarla. Furbetti e malintenzionati con poche semplice mosse possono mettere a repentaglio alcuni aspetti piuttosto privati degli utenti.

Infatti continuano a girare link di dubbia provenienza che una volta cliccati aprono le “porte dell’inferno”. Un male difficile da estirpare visto che Whatsapp essendo utilizzato da milioni di persone, alcune per forze di cose non sono all’avanguardia per quanto concerne questi subdoli meccanismi.

Va a finire quindi che il tentativo di phishing va buon fine (per la fortuna di chi lo ha ideato) e in pochi minuti ci si ritrova a perdere le proprie informazioni personali o addirittura gli estremi dei propri conti bancari. 

LEGGI ANCHE >>> Whatsapp, grandissima novità sull’utilizzo del più amato dei social

LEGGI ANCHE >>> Stop a WhatsApp su questi smartphone: potrebbe esserci il tuo, la lista

Whatsapp, come si articola la nuova truffa: i rischi più concreti

L’ultima truffa riguardante l’applicazione di messaggistica istantanea sta puntando proprio a mettere le mani sui dati della carta di credito. Millantando una fantastica offerta inerente delle scarpe Adidas si spinge l’utente a cliccare sul diabolico link e ad inserire l’IBAN e gli altri codici utili a concludere il pagamento.

In pratica in quel frangente si sta letteralmente consegnando la propria carta al furfante che potrà poi utilizzarla per i propri comodi. La conseguenza può essere quella di ritrovarsi il conto prosciugato o addirittura che si perda il possesso dello stesso.

I rimedi contro questa pratica scorretta e riprovevole sono sempre i medesimi, ma solo divulgandoli ad oltranza si potranno ottenere dei risultati. Quindi, è bene rimembrarlo, non bisogna mai e poi mai cliccare sui link di cui non si conosce la provenienza e ogni qualvolta ci arriva un messaggio dal contenuto dubbio va prontamente cancellato.