E’ possibile intestare la casa ad altri per non pagare le tasse?

Intestare la seconda casa ad un figlio ad un coniuge può svincolare dal pagamento delle tasse, ma bisogna tenere in considerazione altre spese da sostenere

mutuiCambiare intestazione di una casa (in particolar modo della seconda o della terza) di cui si dispone della proprietà è un’azione consentita e naturalmente lecita. In molti lo fanno per evitare di avere sul groppone le tasse relative a quei determinati immobili.

In altre circostanze come cause di separazione può avvenire per convenienza. Così facendo si può evitare di corrispondere alla controparte l’assegno di mantenimento. Inoltre ci si libera dall’IMU o da altre imposte previste per le seconde case. 

Un’altra casistica è quella dell’intestazione a terzi quando si vuole evitare che i figli si ritrovino costretti in futuro a pagare la tassa di successione. Fino a qui sembra tutto molto interessante e soprattutto vantaggioso. In realtà bisogna tener conto di alcuni oneri previsti qualora si decida di avviare la suddetta pratica. 

LEGGI ANCHE >>> Contanti o mutuo per la casa: ecco la grande mossa da fare

LEGGI ANCHE >>> Hai un anziano di cui ti occupi in casa? Ecco come avere aiuto dal tuo Comune

Casa, le spese in caso di intestazione ad un altro individuo

Donare un immobile non è una pratica banale che può avvenire in maniera tacita. Deve essere fatta attraverso un atto notarile così come avviene per la compravendita. Naturalmente sono previsti dei costi (a carico del beneficiario), che solitamente quando ci si rivolge a professionisti di questo calibro non sono di certo contenuti.

Inoltre bisogna fare i conti con le tasse dovute allo Stato. Non hanno un’importo prestabilito, variano a seconda del valore del trasferimento attraverso la rivalutazione della rendita catastale. Per questo è bene agire di anticipo e richiedere un preventivo al Notaio per capire la fattibilità dell’operazione.

Ad aumentare il carico ci sono anche le imposte di donazione, catastale ed ipotecaria previste dal Fisco proprio per questa tipologia di passaggi. Si può risparmiare qualora colui a cui è rivolto l’atto decida di intestarsela come prima casa.