Le attività “technology free” che aiutano a ritrovare se stessi

La società moderna è praticamente schiava della tecnologia. Con poche semplici attività quotidiane ci si può distaccare da pc, tablet e smartphone e rigenerare corpo e mente

Tecnologia
Fonte adobe

Immaginare la vita senza tecnologia è un esercizio quanto mai arduo se rapportato con la realtà attuale. Ormai siamo così totalmente immersi in questo meccanismo, che nei rari casi in cui non riusciamo ad usufruirne andiamo in difficoltà.

È innegabile che sia una componente importante, ma al contempo l’uso eccessivo ha degli effetti sul nostro benessere psicofisico. Per questo è bene trovare un giusto compromesso, che consenta di poterne sfruttare i notevoli vantaggi di questi mezzi e di ritagliarsi dei momenti “technology free”.

Basterebbe pensare che fino a qualche decennio fa le persone hanno vissuto in maniera più che dignitosa senza l’ausilio di pc, tablet, smartphone. In virtù di ciò, ecco delle valide alternative all’utilizzo costante di dispositivi tecnologici. 

LEGGI ANCHE >>> Tecnologia blockchain, l’Italia potrebbe usarla nella lotta all’evasione fiscale

LEGGI ANCHE >>> Colosso della tecnologia assume a tempo indeterminato e offre tirocini retribuiti

Tecnologia: le alternative salutari a pc, tablet e smartphone

La prima cosa da fare è spegnere il cellulare prima di andare a dormire o comunque disattivare la connessione wi-fi o dati. In questo modo il sonno non viene interrotto dal fastidioso rumore delle notifiche dei messaggi.

Altro metodo per dare un calcio alla schiavitù da tecnologia è quello di riconciliarsi con la natura. Fare lunghe passeggiate al parco, piuttosto che in un bosco o in spiaggia non guasta mai. A queste attività vanno aggiunti dei pensieri positivi, come progetti a breve a lungo termine che generano felicità. Dalla flora alla fauna, il contatto con gli animali ha degli effetti notevoli in termini di tranquillità. Chi non li ha può prestare servizio come pet sitter sia per privati che per canili e gattili.

Può essere inoltre l’occasione per poter ripristinare una dimensione più umana. Al giorno d’oggi la gente presa dalle proprie apparecchiature tecnologiche a malapena guarda in faccia le persone. In questo modo è possibile fare nuove conoscenze così come avveniva un tempo. Questi sono solo alcuni spunti, che possono essere integrati con attività culturali, con una semplice e rigenerante lettura o magari con un bel disegno.