L’Inps ha comunicato attraverso una circolare gli importi relativi all’assegno di maternità e all’assegno nucleo familiare per l’anno 2021

assegno di maternità 2021

Le famiglie italiane erano in gran fermento per alcuni ammortizzatori sociali e finalmente sono arrivati. Trattasi dell’assegno di maternità e dell’assegno nucleo familiare (ANF), previsti per l’anno in corso. Ad elargirli saranno i comuni attraverso l’INPS, che con la circolare numero 36 del 24 febbraio 2021 ha comunicato i relativi importi e limiti di reddito.

Come da prassi, le cifre sono frutto di rivalutazione annuale frutto della variazione dell’indice ISTAT dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati (che secondo il Dipartimento delle politiche per la famiglia, nel 2021 si attesta a -0,3%).

LEGGI ANCHE >>> Assegno di accompagnamento fino a 938,35 euro al mese: ecco in quali casi

LEGGI ANCHE >>> Assegno sociale, largo alle casalinghe ma solo a queste condizioni

Assegno maternità: importi per il 2021 previsti dall’INPS

Andando nel dettaglio, l’assegno di maternità è di 348,12 euro al mese per cinque mensilità. Dunque in totale la cifra è di 1.740,60 euro per ogni nascita, affidamento preadottivo e le adozioni senza affidamento avvenuta tra il 1 gennaio 2021 e il 31 dicembre 2021.

Questo però il caso in cui la misura venga corrisposta per intera. Naturalmente, a determinare l’importo esatto è il valore dell’ISEE (che per alcuni bonus non è indispensabile), che non deve superare i 17.416,66 euro nell’anno 2021.

Assegno nucleo familiare: INPS comunica importi per il 2021

Differenti i parametri che determinano la corresponsione dell’assegno per il nucleo familiare. L’importo mensile massimo è di 145,14 euro a fronte della presentazione di un ISEE che arrivi al massimo a 8.788,99 euro.

Quindi, i due assegni sono rimasti invariati rispetto ad un anno fa e quindi fanno riferimento alla circolare numero 31 del 25 febbraio 2020. Un fattore probabilmente determinato dall’andamento anomalo dell’annata che di fatto non è stata soggetta ad alcun tipo di rivalutazioni visti gli effetti economici devastanti della pandemia. Chiunque rientri nelle seguenti casistiche può tranquillamente avanzare la domanda al proprio comune di riferimento.